Il Bolzano Festival Bozen tra campane e pianoforti

Annunciato il ricco programma del Bolzano Festival Bozen, dal 1° al 29 agosto

News
classica
Beatrice Rana (foto di Simon Fowler) Bolzano Festival Bozen
Beatrice Rana (foto di Simon Fowler)

L’anno è speciale, e per molti festival la programmazione è diventata una corsa contro il tempo per riuscire a chiudere: Bolzano Festival Bozen ce la fa, annunciando in extremis un programma ricchissimo che copre tutto il mese di agosto, dal 1° al 29, in diversi spazi della città. Compresi i campanili, che saranno protagonisti di un concerto speciale del compositore gardenese Eduard Demetz, che aprirà e chiuderà il Bolzano Festival Bozen 2020.

In mezzo orchestre e solisti: i nomi forti sono quelli di Gianandrea Noseda, che guiderà la European Union Youth Orchestra con solista Beatrice Rana per un programma dedicato a Beethoven e Schubert (18 agosto), e Tobias Wögerer alla guida della Gustav Mahler Jugendorchester. Tra i pianisti, i premi Busoni Anna Kravtchenko (13 agosto, con un recital dedicato a Schumann), Giuseppe Andaloro (6 agosto, Rachmaninov) e Roberto Cominati (alle prese con le trascrizioni di Georg Friedrich Händel), e Grigory Sokolov con un recital dedicato ai 100 anni di Arturo Benedetti Michelangeli (29 agosto).

E poi concerti nelle chiese, una serie Cinema meets Opera con proiezioni sul grande schermo del NOI Techpark, musica da camera e molti collaterali – sempre nel rispetto delle norme di sicurezza: la capienza è ovviamente ridotta, e i biglietti sono già disponibili sul sito del festival. 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Per 13 anni alla guida del Festiva di Spoleto, Ferrara sarà il direttore artistico del Teatro Stabile del Veneto nel prossimo triennio

classica

Il giornale della musica in collaborazione con Arte: dal 27 febbraio il concerto dal festival di Salisburgo

classica

18 anni della stagione Rondò di Divertimento Ensemble Milano