Gli “Arcipelaghi” del Reggio Parma Festival 2024

Cinque iniziative da I Drammaturghi di Mimmo Paladino a Gradus, da Derby elettrico alla collana RPF Quaderni, fino alla ricorrenza Nono/Abbado

News
oltre
"I Drammaturghi", Mimmo Paladino (foto Andrea Morgillo)
"I Drammaturghi", Mimmo Paladino (foto Andrea Morgillo)

Sono cinque le iniziative di ampio respiro che compongono il nuovo cartellone del Reggio Parma Festival 2024, cinque differenti declinazioni di un concetto allargato di cultura, pensate con l’obiettivo comune di promuovere e diffondere l’amore per l’arte e la creatività in generale, tracciando un cammino artistico che attraverserà tutto l’anno denominato “Arcipelaghi”.

Cinque diverse linee progettuali, quindi, che vanno dall’arte di Mimmo Paladino nell’opera I Drammaturghi – da poco inaugurata al Teatro Due di Parma e composta da due grandi vetrate artistiche sulle quali campeggiano i volti dei più grandi autori del teatro mondiale da Shakespeare a Eduardo, da Euripide a Molière, da Eschilo a Sarah Kane e Tennessee Williams – a Gradus che, con  “Passaggi per il nuovo” e “Giornate d’Autore”, si rivolge a giovani artisti e al pubblico, passando per Derby elettrico – insolito format dedicato alla musica – e per la nuova collana editoriale “RPF Quaderni, per arrivare alla ricorrenza Nono/Abbado.

Mimmo Paladino (foto Studio Reduzzi)
Mimmo Paladino (foto Studio Reduzzi)

Il progetto nasce dalla volontà del Reggio Parma Festival e di tutti i suoi soci – Comune di Parma, Comune di Reggio Emilia, Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, Fondazione Teatro Due e Fondazione Teatro Regio di Parma – di collaborare per la costruzione di un’offerta culturale capace di promuovere l’arte e la cultura del territorio di Reggio Emilia e Parma in una prospettiva nazionale e internazionale, permettendole di raggiungere anche il pubblico al di fuori del perimetro di coloro che già frequentano i teatri e gli spettacoli dal vivo. Da più di vent’anni il Reggio Parma Festival, con il sostegno del Ministero della Cultura, propone in quest’ottica eventi capaci di stimolare nuovi interessi e nuovi approcci al mondo dell’espressione artistica, supportando l’organizzazione di importanti rassegne teatrali e musicali quali Festival Aperto a Reggio Emilia e Teatro Festival e Festival Verdi a Parma.

Come evidenziato da Luigi Ferrari, Presidente di Reggio Parma Festival, «ci siamo impegnati in uno sforzo ideativo e produttivo importante, che ci vedrà di nuovo collaborare, secondo la nostra vocazione associativa, nel creare opportunità. L’opportunità, per i teatri soci, di “osare e sperimentare” oltre i confini delle loro specificità e di confrontarsi tra loro, permettendo alle idee, anche le più audaci, di diventare progetti concreti. L’opportunità, per le comunità socie, di ospitare sul proprio territorio occasioni culturali importanti e trarne nuovo vigore artistico. L’opportunità, per tutti noi, di aprire nuovi canali di comunicazione tra le nostre istituzioni e il pubblico, coinvolgendo interlocutori di profilo e statura internazionale».

Tutti i dettagli del programma sono disponibili sul sito www.reggioparmafestival.it.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

oltre

Fino al 25 maggio al MART di Rovereto con Uri Caine, Hamid Drake, William Basinski...

oltre

Città in note con il video-artist Andrew Quinn, e molto altro