È morto Norbert Balatsch

A lungo direttore del coro della Wiener Staatsoper e del Festival di Bayreuth è scomparso a Vienna a 92 anni

News
classica
Norbert Balasch
Norbert Balasch

Norbert Balatsch è scomparso all'età di 92 anni dopo una breve malattia. Era nato a Vienna nel 1928 e aveva fatto parte del coro di voci bianche dei Wiener Sängerknaben fra il 1938 e il 1944, prima di entrare alla Wiener Staatsoper come corista nel 1952. Nel 1965 nello stesso teatro diventa maestro aggiunto del coro nel 1965, quindi secondo maestro del coro nel 1967 e un anno dopo viene nominato maestro del coro, incarico che mantenne fino al 1983. Fra il 1972 e il 1999 spese le sue estati a Bayreuth come maestro del coro del festival wagneriano, negli anni della direzione di Wolfgang Wagner. Lasciato l’incarico alla Staatsoper di Vienna, Balatsch rimase attivo dirigendo diverse compagini corali. Dal 1984 al 1999 e dal 2006 al 2008 aveva svolto la funzione di maestro del Coro dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, di cui dal 2008 era Accademico Onorario. Fra il 1999 e il 2001, Norbert Balatsch assunse la direzione artistica dei Wiener Sängerknaben.

Alla Wiener Staatsoper era tornato nel 2006 in occasione dell’allestimento del Moses und Aron. Alla fine dell’ultima rappresentazione, il 19 giugno 2006 gli era stata conferita l’onorificenza di collaboratore onorario del massimo teatro lirico austrico. Particolarmente commosse le parole di Dominique Meyer, già sovrintendente del teatro: “Conoscevo Norbert Balatsch fin dai tempi in cui ero a Parigi, dove ha lavorato in diverse opere come maestro di coro. Norbert Balatsch non era solo un grande artista, ma anche una persona di buon cuore.”

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Napoli: il 23 settembre il concerto con Aniello Desiderio e Zoran Dukic

classica

Presentata la stagione 2020-21 dell'Accademia di Santa Cecilia, che segue le linee consuete, con qualche interessante novità

classica

Anna Netrebko ha contratto il coronavirus durante alcune recite al Bolshoi di Mosca, Edita Gruberova ha cancellato il suo recital a Firenze