Chailly alla Scala fino al 2025

Rinnovato l'incarico di direttore musicale

News
classica
Chailly e Meyer (Foto Brescia e Amisano)
Chailly e Meyer (Foto Brescia e Amisano)

Su suggerimento del sovrintendente Dominique Meyer, il Consiglio di Amministrazione della Scala ha rinnovato l'incarico di direttore musicale del teatro a Riccardo Chailly fino al 2025. Una decisione che assicura continuità al suo progetto di direzione musicale, iniziata nel 2015, che lo ha impegnato anche con l'orchestra sinfonica del teatro, la Filarmonica, nonché con le continue audizioni per la scelta dei nuovi strumentisti. Chailly debuttò al Piermarni  nel 1978 con I masnadieri, dopo di che ha aggiunto altri quattro titoli verdiani al cartellone scaligero, sei di Puccini, tre di Rossini, uno di Donizetti, e in aggiunta ha proposto opere meno rappresentate del repertorio italiano a cavallo fra Ottocento e Novecento. In questi giorni si appresta a salire sul podio del dittico di Kurt Weill Die sieben Todsünden e Mahagonny Songspiel, per la regia di Irina Brook, che verrà trasmessa sul sito web della Scala il 18 marzo alle 20, su Rai 5 il 27 marzo e in differita su RaiPlay. C'è solo da augurarci da parte di Chailly altre scorribande novecentesche, se non altro in ricordo della sua indimenticabile direzione di The Rake’s Progress di Stravinskji con le scene e i costumi di David Hockney, prima al Teatro Lirico, poi alla Scala.


 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Esteso fino alla stagione 2022/23 l’impegno come direttore principale con la Chicago Symphony Orchestra, che guida dal 2010

classica

Il 1° ottobre da Parigi si comincia con Fidelio

classica

L’incoronazione di Poppea al centro dell'edizione 2021 del festival ideato da Iván Fischer, in scena dal 30 ottobre al 1 novembre