Ambronay all’insegna dell’esplorazione

Il programma del Festival di Ambronay 2020, dal 18 settembre al 4 ottobre

News
classica
Ambronay 2020
Foto di Bertrand Pichène

Dopo aver celebrato il suo 40° anniversario lo scorso anno, il Festival di Ambronay ha ripensato l’articolazione e i contenuti del suo programma per rispondere alla situazione della pandemia senza rinunciare all’appuntamento principale del Centre Culturel de Rencontre che ha sede nella Abbazia del piccolo comune del dipartimento dell’Ain, e senza rinunciare al clima di convivialità che lo caratterizza.

Con il titolo Explorations dal 18 settembre al 4 ottobre 2020 si svolgeranno concerti, conferenze, visite guidate, atelier, e altre attività tese a coinvolgere il più possibile il pubblico, pur mantenendo le distanze di sicurezze imposte dalle autorità sanitarie. I concerti principali che si svolgono nella chiesa dell’Abbazia verranno ripetuti due volte nella stessa giornata, a causa della limitazione dei posti a sedere che da circa mille saranno ridotti a duecentocinquanta, con i musicisti disposti al centro della navata per consentire condizioni di migliore visibilità e di ascolto.

– Leggi anche: Vibrazioni cosmiche ad Ambronay

Gli spettatori saranno stimolati non soltanto a esplorare tutti gli spazi del complesso abbaziale guidati da percorsi ed eventi sonori, ma anche a partecipare alla selezione estemporanea delle musiche da eseguire nel “concert à la carte” di Mariana Flores accompagnata dalla Cappella Mediterranea diretti da Leonardo García Alarcón, o a seguire le tappe della “costruzione” di un’opera barocca, Actéon di Charpentier, presentata dall’ensemble Les Cris de Paris diretto da Geoffroy Jourdain con la mise en espace di Benjamin Lazar.

L’inaugurazione è affidata al giovane Ensemble Jupiter e a Lea Desandre diretti da Thomas Dunford che presenteranno un programma intitolato Vivaldi con fuoco e fra gli altri concerti ci sarà anche quello a lume di candela di Eva Zaïcik accompagnata dall’ensemble Les Ombres diretti da Sylvain Sartre e Margaux Blanchard intitolato Une nuit au Louvre.

Numerose iniziative si svolgeranno all’aperto, in parte anche a sorpresa, e da quanto dichiarato in conferenza stampa da Pierre Bornachot e Daniel Bizeray non ci saranno programmi di sala scritti, ma recitati da giovani attori.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il critico letterario scrisse libri fondamentali sul melodramma

classica

Anticipato il ricco programma dell’edizione 2021 del Festival di Aix-en-Provence con nove produzioni liriche e due prime mondiali

classica

Le due prestigiose compagini internazionali hanno siglato un accordo quinquennale col Festival dei 2 Mondi