Aix-en-Provence rilancia nel 2021

Anticipato il ricco programma dell’edizione 2021 del Festival di Aix-en-Provence con nove produzioni liriche e due prime mondiali

News
classica
Kaija Saariaho
Kaija Saariaho

Dopo la cancellazione dell’edizione 2020 e la sostituzione con il programma digitale #LASCÈNENUMÉRIQUE, il Festival di Aix-en-Provence rilancia con una edizione 2021 molto ricca. Saranno recuperati i titoli già previsti per l’estate 2020 e a questi si aggiungeranno nuove produzioni per un totale di nove nuove produzioni liriche, con tre spettacoli in alternanza al Théâtre dell’Archevêché contro i due abituali. Grande sensibilità alle tematiche del mondo contemporaneo nelle due prime assolute in cartellone: il malessere del mondo occidentale che ha smarrito il proprio senso in Innocence della finlandase Kaija Saariaho, presentata in prima mondiale al Grand Théâtre de Provence il 3 luglio 2021 in un allestimento di Simon Stone e la direzione musicale di Susanna Mälkki alla testa della London Symphony Orchestra con Magdalena Kožená, Sandrine Piau, Tuomas Pursio, Lilian Farahani, Markus Nykänen e Jukka Rasilainen. Il cataclisma senza fine del Medioriente in L’apocalisse arabe di Samir Odeh-Tamimi dal poema omonimo di Etel Adnan in prima mondiale al Luma di Arles il 4 luglio 2021 con l’Ensemble Modern e gli interpreti Camille Allérat, Pauline Sikirdji, Fiona McGown, Camille Merckx e Thomas Oliemans diretti da Pierre Audi. In prima francese invece Woman at point zero, riflessione in musica sulla condizione femminile di Bushra El-Turk in programma al Conservatorio Darius Milhaud il 9 luglio 2021 con l’Ensemble Zar, la direzione musicale di Kanako Abe e l’allestimento di Laila Soliman.

Più classico il resto della programmazione, che, in omaggio alla tradizione mozartiana del Festival d’Aix-en-Provence, apre con un nuovo allestimento di Le nozze di Figaro firmato da Lotte de Beer al Théâtre de L’Archevêché il 30 giugno 2021. Sul podio del Balthasar Neumann Ensemble salirà Thomas Hengelbrock per dirigere un cast vocale che comprende Gyula Orendt, Jacquelyn Wagner, Julie Fuchs, Andrè Schuen, Lea Desandre e Emiliano Gonzalez Toro. In cartellone anche due opere di Giuseppe Verdi entrambe dirette da Daniele Rustioni alla guida dei complessi dell’Opéra de Lyon: al Théâtre de L’Archevêché il 1 luglio 2021 va in scena Falstaff con la regia di Barrie Kosky con Christopher Purves protagonista e Stéphane Degout, Juan Francisco Gatell, Carmen Giannattasio, Daniela Barcellona, Giulia Semenzato fra gli interpreti, mentre al Grand Théâtre de Provence il 16 luglio si potrà ascoltare I due Foscari in versione di concerto con Leo Nucci e Francesco Meli protagonisti. Daniele Rustioni e i complessi dell’Opéra de Lyon saranno di nuovo in buca al Théâtre de L’Archevêché il 22 luglio per Il gallo d’oro di Nikolaj Rimski-Korsakov allestito da Barrie Kosky con Dmitry Ulyanov, Nina Minasyan, Andrei Popov, Vasily Efimov, Mischa Schelomianski e Margarita Nekrasova. Il 2 luglio 2021 il Grand Théâtre de Provence ospita il nuovo allestimento di Tristan und Isolde di Richard Wagner firmato da Simon Stone con Stuart Skelton e Nina Stemme protagonisti. In buca la London Symphony Orchestra diretta da Simon Rattle.

Completa il cartellone lirico il 3 luglio Combattimento, La teoria del cigno nero, antologia di composizioni barocche di Claudio Monteverdi, Luigi Rossi e Francesco Cavalli con l’Ensemble Correspondances diretto da Sébastien Daucé e Valerio Contaldo, Lucile Richardot, Julie Roset, Etienne Bazola, Nicolas Brooymans in scena. L’allestimento al Théâtre du Jeu de Paume sarà curato da Silvia Costa.

Maggiori dettagli sulla programmazione concertistica, comprese quelle dell’Académie et de la Méditerranée rivolta a professionisti debuttanti nel mondo musicale, verranno presentati nel prossimo gennaio, ma già si anticipa il ciclo contemporaneo “Incises” e si conferma la ricca programmazione del preludio di “Aix en juin” che coinvolge diverse località provenzali. Non mancherà anche nel 2021 #LASCÈNENUMÉRIQUE, camera dell’eco e contrappunto inventivo alla ricca produzione del Festival di Aix-en-Provence con approfondimenti e contenuti esclusivi destinati alla piattaforma digitale.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

L’opera di Bellini sarà eseguita in forma di concerto, con Roberto Abbado sul podio e Jessica Pratt, Lawrence Brownlee, Franco Vassallo e Nicola Olivieri come interpreti principali

classica

Il capolavoro di Beethoven ha aperto la stagione 2021 del Teatro Regio. A marzo (forse) il Pelléas et Mélisande

classica

Si torna a parlare di un progetto di monumento al compositore nella sua città natale sviluppato degli anni ’30 del secolo scorso e mai realizzato