Sufjan, ascoltare con pudore

Sufjan Stevens fa uscire - forse - il suo capolavoro, Carrie & Lowell: un album acustico e intimo fra dolore, dolcezza e vecchie ferite

Sufjan Stevens Carrie & Lowell
Disco
pop
Sufjan Stevens
Carrie & Lowell
Asthmatic Kitty
2015

Noi adoriamo Sufjan Stevens dai tempi di Michigan (2003) e Illinois (2005), le prime (e uniche) tappe del progetto megalomane, che prevedeva un album per ciascuno dei cinquanta Stati americani. Un miracoloso incontro tra testi letterari ricchi di riferimenti autobiografici e/o biblici, neo-folk e (a volte) orchestrazioni degne di Gershwin e/o Broadway.

Sono poi arrivati progetti vari, collaborazioni, i deliziosi album natalizi (ben dieci, uno per ogni anno dal 2001 al 2010), e infine The Age of Adz (2010), omaggio sopra le righe ai quadri apocalittici del pittore schizofrenico Royal Robertson. Ora giunge quello che forse è il suo capolavoro: un album decisamente autobiografico, dedicato alla madre Carrie, alcolista e anche lei schizofrenica, che lo abbandonò all'età di un anno, e al di lei nuovo marito Lowell. Parla delle vacanze estive quando aveva tra i cinque e gli otto anni a Eugene, Oregon, dove i due vivevano, e della recente morte di Carrie, per cancro allo stomaco, a cui Sufjan ha assistito e che lo ha lasciato come tramortito. Come se tutto quello che non aveva potuto vivere con la madre fosse improvvisamente emerso.

Ne risulta un album scarno, intimo e doloroso, dove la voce sussurrata di Sufjan interagisce con la chitarra acustica, arrangiamenti essenziali, pizzichi di elettronica e rumori di fondo e ci conduce nella sua infanzia e nei luoghi degli unici momenti da lui veramente vissuti con la madre. Ci sono anche tanti simbolismi (religiosi e mitologici) e riferimenti, spesso incomprensibili ma misteriosamente comunicativi. Un album da ascoltare con pudore, magari in cuffia (come nei listening parties di #SilentSufjan, il tour silenzioso di promozione), per lasciarsi catturare dalle emozioni che rievoca e scatena. Undici tracce stupende (la nostra preferita è "Should Have Known Better"), dove si alternano dolore e dolcezza, amore e ferite mai completamente rimarginabili. Il disco è in uscita a fine mese, ma è già in circolazione da diverse settimane in rete (con una implicita accettazione di Asthmatic Kitty, che non lo ha fatto ritirare), nonché - da poco - in streaming integrale su NPR.org.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Give Me Flowers, un sogno gospel chiamato Nashboro

Esce per la Third Man Records un'antologia di gospel anni cinquanta-sessanta da Nashville, tanto oscura quanto elettrizzante

Enrico Bettinello
pop

Georgia Ann Muldrow, tra afrofuturismo e pop

Dopo tre anni di silenzio Overload segna il ritorno in grande stile di Georgia Ann Muldrow

Ennio Bruno
pop

Julia Holter, la bellezza (nel caos) di Aviary

Aviary è il nuovo e ambizioso lavoro di Julia Holter, ormai degna di essere confrontata con figure della statura artistica di Laurie Anderson e Björk

Alberto Campo