Royal Trux, veterani del disordine

Dopo 20 anni tornano con White Stuff i Royal Trux

Royal Trux - nuovo album
Disco
pop
Royal Trux
White Stuff
Fat Possum
2019

A un certo punto, nei primi anni Novanta, sull’onda del terremoto musicale provocato dal trionfo mercantile di Nevermind dei Nirvana, la major Virgin scritturò i Royal Trux sperando di aver trovato il prossimo gruppo “alternativo” di successo.

Previsione errata: i due dischi editi con quel marchio non tramutarono in rockstar Neil Hagerty e Jennifer Herrema (la quale, per altro, divenne testimonial di Calvin Klein). L’impresa sarebbe riuscita nel decennio seguente ai White Stripes, con cui i Royal Trux condividevano – oltre all’assetto in duo – un patrimonio genetico costituito dal blues e dal rock’n’roll. Il loro approccio a quei codici, tuttavia, era brusco e a volte radicalmente sperimentale, ad esempio nel classico Twin Infinitives, datato 1990, dunque di difficile digeribilità.

A ciò si aggiungano cattive abitudini e comportamenti scapestrati (Herrema ha avuto i suoi guai con la giustizia statunitense…), cosicché nel 2000, terminata la love story che li legava, cessò pure l’attività artistica. Sotto quest’ultimo aspetto, si sono riconciliati nel 2015, ricominciando a dare occasionalmente concerti, dai quali è stato ricavato l’album dal vivo Platinum Tips + Ice Cream, tanto da prenderci gusto e confezionare ora un lavoro nuovo di zecca. A indirizzarne il corso è l’episodio che gli dà titolo e lo apre, “White Stuff”: grezzo, ingegnoso ed essenziale come si conviene.

In sequenza i "nuovi" Royal Trux alternano poi blues malevolo (“Purple Audacity #2”), irresistibili accenti glam (“Suburban Junky Lady”), un boogie caotico (“Whopper Dave”) e addirittura un’escursione inopinata verso l’hip hop (“Get Used to It” con cammeo dell’“ultramagnetico” rapper newyorkese Kool Keith). L’effetto d’insieme è al tempo stesso molesto e divertentissimo, tipo dei Rolling Stones esiliati per davvero all’inferno (ascoltare a proposito il cavernoso epilogo, “Under Ice”): bruciata la gioventù, i Royal Trux rimangono – parafrasando l’intestazione del disco pubblicato esattamente 20 anni fa – “veterani del disordine”.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

L'insopportabile leggerezza di Tame Impala

The Slow Rush mette in vetrina la pochezza di Kevin Parker (alias Tame Impala), divo australiano da hit parade

Alberto Campo
pop

Il divisionismo musicale di Beatrice Dillon

L’affascinante elettronica concettuale della londinese Beatrice Dillon, all’esordio con Workaround

Alberto Campo
pop

I Calibro 35 dai poliziotteschi all'attualità

Momentum è il nuovo disco dei Calibro 35, ormai sempre più supergruppo da esportazione, tra vintage e futuro

Alberto Campo