Nuovo Canzoniere Grecanico Salentino

Nuovo disco prodotto tra Lecce e New York per il Canzoniere di Mauro Durante, che alza l'asticella del suono folk-world in Italia

Canzoniere Grecanico Salentino
Canzoniere Grecanico Salentino (foto di F. Torricelli)
Disco
world
Canzoniere Grecanico Salentino
Canzoniere
Ponderosa
2017

Una bottiglia di Coca-cola con dentro della passata di pomodoro – la copertina di questo Canzoniere, il nuovo album del Canzoniere Grecanico Salentino – è una metafora di molte cose. Volendo, della stessa world music: polpa “di tradizione” in una nuova confezione accattivante per il mercato di massa.

Eppure, dal momento che il Canzoniere Grecanico Salentino è oggi, molto probabilmente, il gruppo italiano più visibile sul mercato delle musiche del mondo, forte di apparizioni sui maggiori palchi americani ed europei e ampiamente recensito dai media, la copertina di Canzoniere potrebbe anche essere letta come il simbolo di un rilancio del gruppo con un’immagine meno oleografica, meno gonnelloni svolazzanti e piedi scalzi, meno taranta power e più “di sostanza”, più “pop” (in senso positivo) e meno “world (in senso negativo).

Sono interpretazione libere, naturalmente. Ma ascoltando Canzoniere non si può non notare come l’asticella della musica si sia alzata, pure in gruppo che, dopo il suo rinnovamento generazionale intorno a Mauro Durante, ormai dieci anni fa (un quarto della storia del gruppo, nato quarantadue anni fa), sulla qualità di quanto suonava e degli strumentisti ha sempre puntato molto.

Canzoniere, in effetti, è un disco prodotto benissimo, nato a New York da collaborazioni con autori e produttori di peso della scena americana: il danese Rasmus Bille Bähncke (già con Sting), che mette mano alla battiatesca “Moi”, fra i momenti migliori del disco; Michael Leonhart (Bruno Mars, Lenny Kravitz) che collabora sulla melodia a presa rapida di “Ientu”; Steve Skinner (Diana Ross e Celine Dion) che mette le mani in “Con le mie mani”; Scott Jacoby (Coldplay, John Legend, Vampire Weekend) cui si deve l’ipnotica “Lu giustacofane”. Con in più, bonus, la chitarra di Justin Adams, la voce di Piers Faccini e il violoncello Marco Decimo.

Molte idee musicali, bei suoni, cori curatissimi (con le voci di Alessia Tondo, Emanuele Licci, Giancarlo Paglialunga), un uso – finalmente! – intelligente e originale dei field recordings… Un disco che è davvero un salto in avanti in termini di produzione per la scena italiana. E fa ben sperare che si possa fare in Italia della buona musica folk-world (chiamatela come volete) per un mercato "di massa" senza adagiarsi (troppo) sui soliti cliché mediterranei e globalisti. Quarantadue anni dopo, un Nuovo Canzoniere Grecanico Salentino: speriamo possa presto vantare innumerevoli tentativi di imitazione.

Il Canzoniere Grecanico Salentino sarà in tour in tutto il mondo da novembre: partenza da “casa”, a Lecce, il 16 e 17 novembre. Poi Parigi (29 novembre), Berlino (30 novembre), Firenze (1 dicembre), Mestre (2 dicembre), Roma (3 dicembre), Tallin (5 dicembre), Pärnu (6), Jõhvi (7), Tartu (8), Bruxelles (9), Milano (10), Londra (15).

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

I rumeni siamo noi

Rumeni romani, a cura di Florina Lepadatu, Alessandro Portelli e Lavinia Stan, apre una finestra sulle musiche delle comunità rumene nel Lazio

Guido Festinese
world

Agricantus, ritorno in viaggio

Akoustikòs vol. I è il nuovo disco degli Agricantus, che tornano in nuova formazione

Guido Festinese
world

Voci bulgare, il Mistero vent'anni dopo

Il ritorno del coro bulgaro con BooCheeMish, con ospite la voce di Lisa Gerrard dei Dead Can Dance

Nazim Comunale