Marc Ribot rocker politico

Con il fenomenale YRU Still Here? torna il trio Ceramic Dog di Marc Ribot con Shazad Ismaily e Ches Smith alla batteria

Marc Ribot Ceramic Dog
Disco
pop
Marc Ribot’s Ceramic Dog
YRU Still Here?
Northern Spy
2018

Un disco di rock peso, politico, senza compromessi ma ironico, e che fa pure muovere la testa (in ogni senso). Logico che a farlo fossero dei jazzisti, nello specifico Marc Ribot con gli ormai fedelissimi Shazad Ismaily al basso e Ches Smith alla batteria.

Il progetto Ceramic Dog è in realtà un vero e proprio gruppo stabile, insistono i protagonisti, e si vede (lo abbiamo recentemente testato dal vivo al Torino Jazz Festival: ne abbiamo parlato qui). Soprattutto da quando – in particolare dal secondo e penultimo album, Your Turn– il trio ha virato decisamente verso la forma canzone.

Questo nuovo YRU Still Here? – che, lo diciamo subito, è un disco fenomenale – riprende il discorso in 11 tracce spesso concise, talvolta cantate, talvolta urlate, talvolta strumentali e ondivaghe, in gran parte costruite sulla ritmica decisa di Ches Smith e sul basso ora gommoso, ora hard di Ismaily. Ribot si ritaglia alcuni momenti da guitar hero non privi della consueta ironia, ma è il suono d’insieme a prevalere, con fiati (a cura dello stesso Ribot, impossessato dal demone del free jazz!) e sintetizzatori a completare il quadro. E poi, infine, la voce – ancora dello stesso Ribot: una voce, sottile, acuta, gridata – che se deve ricordare qualcosa nell’immediato, ricorda i Beastie Boys degli anni d’oro (all’impressione concorrono anche i “cori” di botta e risposta dei due sodali, che urlano sullo sfondo). 

Siamo insomma da qualche parte tra il punk e Arto Lindsay, tra i Fugazi e – boh!? Chi può dirlo: il gioco dei riferimenti è forse inutile in un disco e un progetto che è evidentemente citazionista, ma che altrettanto evidentemente non vuole ridursi a un giochino retromaniaco: i testi sono politici, duri, figli del recente clima politico americano e ovviamente anti-Trump (la sinuosa “Pennsylvania 6 6666” racconta con ironia l’infanzia di Ismaily da nero in, appunto, Pennsylvania; il titolo di “Muslim/Jewish Resistance” parla da sé). “I got a right to say FUCK YOU!!!”, canta un iroso Ribot nella traccia di apertura, la decorticata “Personal Nancy” (dove Nancy è Nancy Spungen, già compagna di Sid Vicious), e già dà il mood del disco: da giocarselo tra i dischi dell’anno, già a maggio.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

La bellezza da incubo di Croatian Amor

Il vulcanico musicista sperimentale danese Loke Rahbek dà alle stampe Isa, sesto disco a nome Croatian Amor

Ennio Bruno
pop

Il retrò (senza nostalgia) di Jessica Pratt

Quiet Signs, il delizioso terzo album della cantautrice californiana Jessica Pratt

Alberto Campo
pop

Il suono grosso del Muro del Canto

L'amore mio non more è il quarto disco per il gruppo romano, un folk rock possente e profondo

Guido Festinese