Makaya McCraven oltre il jazz

Il nuovo lavoro del batterista e compositore statunitense Makaya McCraven è un capolavoro apolide

Makaya McCraven
Disco
jazz
Makaya McCraven
In These Times
XL
2022

La prima e unica voce che affiora nel nuovo album di Makaya McCraven, In These Times, è di Harry Belafonte: riesumata da un’intervista radiofonica del gennaio 1955 custodita nell’archivio di Louis “Studs” Terkel. Dice: «Non vorrei essere mai ricordato come qualcuno che si è opposto al progresso».

Affermazione calzante al profilo artistico del trentanovenne batterista, compositore e produttore nominato “astro nascente” dal consesso di critici del magazine “DownBeat” nel 2020, anno in cui acquisì visibilità reinventando l’ultimo lavoro di Gil Scott-Heron, I’m New Here, e ribattezzandolo We’re New Again.

Makaya McCraven esordì così nei ranghi della potente XL Recordings, ora editrice di quest’opera in combutta con Nonesuch e International Anthem, che gli diede fiducia e impulso dopo il suo trasferimento a Chicago nel 2007: partnership culminata nel doppio del 2015 In the Moment. Già allora era in evidenza il metodo praticato da McCraven, impegnato a setacciare un cospicuo giacimento di registrazioni ricavate da sedute d’improvvisazione, dal vivo o in studio, per ricavarne spezzoni da combinare poi utilizzando la tecnica del taglia-e-cuci alla maniera di Teo Macero con la band elettrica di Miles Davis.

In These Times è frutto di un procedimento analogo, iniziato sette anni fa, e segue cronologicamente il debutto del protagonista su Blue Note, Deciphering the Message, da lui confezionato attingendo al vasto repertorio dell’etichetta newyorkese e rimodulandone le forme attraverso il protocollo appena descritto. Gli indizi citati finora porterebbero al jazz, ma l’interessato dissente: «La parola jazz è nel migliore dei casi inadeguata, e nel peggiore offensiva, per esprimere ciò su cui ci applichiamo», ha dichiarato di recente a “Mojo”.

Preferisce chiamarla «organic beat music». All’ascolto suona dunque “jazz” quanto le avventure spirituali di Alice Coltrane o Don Cherry. Del resto, la stessa ascendenza familiare di McCraven racchiude una trama musicale complessa: il padre Stephen, batterista anch’egli, bazzicava un habitat frequentato – è vero – da Archie Shepp e Marion Brown, insieme però a esponenti marocchini della confraternita Gnawa, mentre per parte di madre – Ágnes Zsigmondi, cantante nata a Budapest – gli arrivava l’eco del folklore magiaro, che qui trapela dall’incantevole “Lullaby”, brano firmato da lei, introdotto dall’arpa ubiqua di Brandee Younger, sviluppato dal pizzicato d’archi e impreziosito dal gusto zigano della violinista bulgara Zara Zaharieva.

Affidata a una dozzina di musicisti, la dotazione strumentale è ampia: nell’episodio che apre e intitola il disco si percepisce addirittura un fraseggio di sitar, quando invece in “Seventh String” – sull’impressionante tessuto poliritmico imbastito dal capobanda – il principale ruolo da solista spetta al flauto di De’Sean Jones.

A quel punto, in sequenza viene “So Ubuji”, impregnato dagli umori afrolatini di vibrafono e marimba, con una punta di reggae in coda, e quindi ecco “The Knew Untitled”, dove svetta alla chitarra l’estro asimmetrico di Jeff Parker dei Tortoise, e il conclusivo “The Tide”, l’architettura del quale rimanda all’hip hop di scuola Madlib. Stupisce e affascina la densità degli argomenti esposti in poco più di 40 minuti, dall’esotismo cameristico di “The Fours” alle vaghe suggestioni cinematografiche evocate – pensando forse a Morricone? – in “Dream Another”.

In These Times è perciò un album di fenomenale intensità e intelligenza straordinaria: diciamo pure capolavoro.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

La navigata eleganza di Rava ed Hersch

Un gioco a due, ricercato e raffinato, raccolto nel nuovo disco realizzato da Enrico Rava e Fred Hersch

Alessandro Rigolli
jazz

La melodia sul velluto di Gustavsen

Il disco Opening propone una veste rinnovata per il Tord Gustavsen Trio

Alessandro Rigolli
jazz

L’ascensione dei Kokoroko

Nell’album di debutto Could We Be More l’ottetto londinese distilla afrobeat in emulsione jazz

Alberto Campo