Loscil, la ripetizione è una forma di disciplina

Clara è il nuovo album del producer Loscil, che "lavora" una registrazione su vinile di un'orchestra d'archi

Loscil Clara
Disco
oltre
Loscil
Clara
Kranky
2021

Nel 2015 è uscito un documentario sul gruppo di Manchester The Fall intitolato It’s not Repetition, It’s Discipline: bene, questa frase si può tranquillamente applicare al lavoro del canadese originario di Vancouver Scott Morgan, discograficamente conosciuto come Loscil.

Clara è il tredicesimo album del produttore ambient, a due anni dal precedente Equivalents, e può essere definito come il lavoro più accessibile di Loscil, compreso tra confini ben regolamentati, pur lasciando una sensazione di inquietante incertezza.

Vale la pena raccontarne la genesi: i suoni traggono origine da una singola composizione di tre minuti eseguita a Budapest da un’orchestra di ventidue strumenti ad arco. La registrazione è stata lavorata al tornio e incisa su un 7” in vinile in copia unica, «rigato e maltrattato per aggiungere consistenza e colore». Dopodiché Loscil ha campionato i suoni e dato loro una forma, li ha cesellati fino ad arrivare alla versione finale dell’album.

Da sempre Loscil è un artista che predilige le ombre, le sfumature del bianco e del nero, si tiene discosto dai colori accesi, e ce lo spiega in questo breve documentario uscito lo scorso anno.

«Se penso al passato» ha spiegato «ho una sorta di dispiacere per il fatto che i miei genitori non mi abbiano fatto imparare a suonare il pianoforte. Il mio primo contatto con la musica è avvenuto grazie a uno zio che mi regalò una chitarra acustica che imparai a suonare da solo e poi ho suonato il sax alle scuole superiori. Poi ho smesso ma quella fu la strada che mi condusse a diventare un compositore e uno sperimentatore nello studio di registrazione, ad amare giocare con l’elettronica, a contaminare le cose e creare suoni. Posso prendere uno strumento e imparare a suonarlo, ma mai abbastanza bene da pensare di farci dei suoni».

Clara, brillante, e i titoli dei dieci brani – “Lux”, “Lumina”, “Stella”, “Vespera”, “Astra”, per citarne alcuni – rafforzano la sensazione di intraprendere un viaggio tra correnti elettriche celestiali ed etere interstiziale, dove «le ombre sono amplificate e la lucentezza si rivela offuscata».

Risulta davvero difficile estrapolare qualche brano in particolare, consiglio di farsi scivolare addosso questi settanta minuti di suoni che generano sentimenti nostalgici per qualcosa che si è perso, anche se posso segnalare, sforzandomi, “Lumina” e “Vespera”, brani nello stile più classico di Loscil, con motivi appena accennati di tastiera che emergono dal nulla cosmico per dare vita a un flusso meditativo, oppure i dieci minuti di “Stella”, musica sognante e stralunata che sembra provenire da un altro mondo, lo stesso che a volte ha frequentato anche Daniel Lanois, o ancora la title-track posta in chiusura, nove minuti assolutamente epici.

Loscil non ha mai avuto paura di consumare un’idea fino in fondo e Clara non fa eccezione. La sua musica ascendente – in alcuni casi trascendente –, organica ed emotiva, ha qualità calmanti, oserei dire curative, pur immergendosi a volte nelle ombre più scure.

«Personalmente penso che la musica debba sempre avere una componente in grado di arrivare al di là dell’”idea” e comunicare a livello di pancia. Chiamatela emozione, spirito, sentimento, o come meglio preferite» - Loscil

P.S. Chiudo con una curiosità: nella colonna sonora della serie televisiva di successo Suburra è presente “Endless Falls”, brano che dà il titolo all’album realizzato da Loscil nel 2010.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

Alessandro Bosetti, frammenti di Didone

Didone è l'ultima pubblicazione del compositore Alessandro Bosetti

Maurizio Inchingoli
oltre

L’astratto balletto di Murcof

Il produttore messicano Murcof condensa in un album le musiche composte per la compagnia di danza Alias

Alberto Campo
oltre

Arooj Aftab e il Principe avvoltoio

Nel nuovo album Prince Vulture l’artista di origine pakistana Arooj Aftab concilia tradizione e contemporaneità

Alberto Campo