Le albicocche dei Bicep

Tornano i Bicep: un grande disco di musica elettronica, in attesa di tornare a ballarla

Bicep - Isles
Disco
pop
Bicep
Isles
Ninja Tune
2021

Isles era uno dei dischi più attesi di questo inizio del 2021: dopo poco più di tre anni e mezzo dalla pubblicazione di Bicep ecco finalmente il nuovo lavoro, la conferma che il duo formato da Andrew Ferguson e Matthew McBriar, entrambi originari di Belfast, è uno dei nomi più interessanti della scena elettronica europea, sia di quella underground sia di quella mainstream.

Breve ripasso: l’album precedente dei Bicep aveva due brani stratosferici che saltavano all’orecchio al primo ascolto, “Glue” e “Opal”, questo secondo divenuto famoso anche grazie al remix di Four Tet.

Vi propongo il primo in versione live: se vi mancano i concerti, vi consiglio di non guardarlo.

Non avete seguito il consiglio? Meritate una punizione: Four Tet in persona che “suona” il suo remix al Primavera Sound di Barcellona del 2018.

Isles evita questi momenti, privilegiando arrangiamenti che manifestano rispetto verso i primi lavori di Future Sound of London e Orbital, a partire dall’iniziale “Atlas”, costruita su “Love Song” di Ofra Haza e ricca di astrazioni rave.

In realtà un pezzo che si eleva dagli altri c’è, è “Apricots” (ecco spiegate le albicocche del titolo), uscito come singolo lo scorso anno, con il suo campionamento di cantanti del Malawi e di un coro bulgaro, i synth ipnotici, la base pulsante e i beat sincopati, è un inno carico di melanconia ipnotizzante, la fotografia perfetta di un periodo ambivalente, vissuto in un’alternanza di su e giù, come sulle montagne russe.

“Rever”, con la partecipazione della violoncellista Julia Kent, e “Sundial”, con il campionamento della canzone Bollywood “Jab Andhera Hota Hai”, sono forse i due episodi che maggiormente richiamano gli Orbital di Snivilisation, con quella batteria strascicata, mentre “X” è un midtempo che parla la lingua del leftfield e “Saku”, dove compare, come già nella canzone precedente, la voce di Clara La San, è l’episodio più apertamente pop.

Non era facile fare un disco di musica elettronica che, probabilmente, ascolteremo in cucina mentre prepareremo il sugo per la pasta o nelle cuffiette mentre faremo la coda per entrare al supermercato: i Bicep ci sono riusciti, le nostre case diventano dancefloor estatici, ci muoviamo, non stiamo fermi ma la malinconia è lì ad azzannarci il cuore.

Isles, soprattutto l’Inghilterra e l’Irlanda, isole, isolamento, il multiculturalismo di Londra – dove i Bicep risiedono – messo in discussione malgrado gli sforzi encomiabili del sindaco Sadiq Khan, la pandemia, Boris Johnson, la Brexit: la malinconia e la nostalgia sono giustificate. Feel the Bicep!

P.S. Per i più coraggiosi segnalo che su Spotify c’è una playlist curata dai due burloni della durata di 67 (!) ore…

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Il blues brasiliano di Juçara Marçal

Juçara Marçal, voce dei Metá Metá, al suo secondo disco solista

Ennio Bruno
pop

Damon Albarn, ecologia e sentimento

L’album “islandese” di Damon Albarn: The Nearer the Fountain, More Pure the Stream Flows

Alberto Campo
pop

Nightmares On Wax, libertà di groove

Shout Out! To Freedom: il nuovo lavoro del produttore inglese George Evelyn, alias Nightmares on Wax

Alberto Campo