La psichedelia astratta del GDG Modern Trio

Stefano Ghittoni (Dining Rooms), Bruno Dorella (Ronin, Bachi da Pietra, OvO) e Francesco Giampaoli (Sacri Cuori) sono il GDG Modern Trio

GDG Modern Trio
Disco
pop
GDG Modern Trio
Spazio 1918
Brutture Moderne
2018

Uniscono le forze in questo progetto, a nome GDG Modern TrioStefano Ghittoni (lo ricorderete nei Dining Rooms), Bruno Dorella (Ronin, Bachi da Pietra, OvO) e Francesco Giampaoli (Sacri Cuori).

Come cuochi superstar portano con sé gli ingredienti con cui meglio sanno creare pietanze inedite: chitarre desertiche, elettronica vintage, psichedelie a 35mm e non si fanno mancare anche il détournement guidato da una breve serie di field recordings.

Le geometrie da modernismo russo ispirate dalla copertina tracciano i confini mobili dell’operazione, naturalmente sospesa tra passato e futuro, tra futurismi passati e memorie visionarie. E il GDG Modern Trio evita con intelligenza il tranello della prevedibilità e allestisce un disco convincente e sintetico, in cui la voglia di sperimentare con i suoni si abbina a una chiarezza formale e narrativa che crea empatia con le canzoni.

L’effetto, molto interessante, è quello di un lavoro cui abbandonarsi come fosse un flusso astratto, ma anche cui rivolgere attenzione nei dettagli, seguendo le possibili narrazioni (per quanto interferenti e elusive) fin dentro al cuore di tanti piccoli film dalla pulsante intimità. Che bellezza!

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Bedouine, la tenera guastafeste

Il secondo album di Bedouine, Bird Songs of a Killjoy, conferma il valore della cantautrice statunitense di origine armena

Alberto Campo
pop

Lee Scratch Perry, un grillo sulla luna

A 83 anni Lee Perry è in piena forma ed è tornato a lavorare con Adrian Sherwood per Rainford

Ennio Bruno
pop

Cate Le Bon, le canzoni come suppellettili

Il quinto album della gallese Cate Le Bon è un ricercato esercizio di avant-pop

Alberto Campo