La psichedelia astratta del GDG Modern Trio

Stefano Ghittoni (Dining Rooms), Bruno Dorella (Ronin, Bachi da Pietra, OvO) e Francesco Giampaoli (Sacri Cuori) sono il GDG Modern Trio

GDG Modern Trio
Disco
pop
GDG Modern Trio
Spazio 1918
Brutture Moderne
2018

Uniscono le forze in questo progetto, a nome GDG Modern TrioStefano Ghittoni (lo ricorderete nei Dining Rooms), Bruno Dorella (Ronin, Bachi da Pietra, OvO) e Francesco Giampaoli (Sacri Cuori).

Come cuochi superstar portano con sé gli ingredienti con cui meglio sanno creare pietanze inedite: chitarre desertiche, elettronica vintage, psichedelie a 35mm e non si fanno mancare anche il détournement guidato da una breve serie di field recordings.

Le geometrie da modernismo russo ispirate dalla copertina tracciano i confini mobili dell’operazione, naturalmente sospesa tra passato e futuro, tra futurismi passati e memorie visionarie. E il GDG Modern Trio evita con intelligenza il tranello della prevedibilità e allestisce un disco convincente e sintetico, in cui la voglia di sperimentare con i suoni si abbina a una chiarezza formale e narrativa che crea empatia con le canzoni.

L’effetto, molto interessante, è quello di un lavoro cui abbandonarsi come fosse un flusso astratto, ma anche cui rivolgere attenzione nei dettagli, seguendo le possibili narrazioni (per quanto interferenti e elusive) fin dentro al cuore di tanti piccoli film dalla pulsante intimità. Che bellezza!

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Wilco, l'avanguardia è nei sentimenti

Ode to Joy è il nuovo album dei Wilco: meno rumorosi, meno azzardati, più maturi – e sempre splendidi 

Luca Canini
pop

Adrianne Lenker è la nuova musa dell’indie rock USA

Il nuovo Two Hands, secondo album in cinque mesi, consacra definitivamente i Big Thief

Alberto Campo
pop

Chromatics, 50 sfumature di grigio

Closer to Grey è il settimo (o sesto?) album dei Chromatics (che saranno anche a Club to Club 2019) 

Ennio Bruno