Katy Kirby, zirconi cubici e amori queer

Blue Raspberry è il secondo album della cantautrice statunitense Katy Kirby

Katy Kirby
Disco
pop
Katy Kirby
Blue Raspberry
Anti-
2024

Nata in Texas, cresciuta a Nashville e residente ora a New York, la ventottenne Kathryn Ellison Kirby – Katy Kirby sul palco e sui dischi – è cantautrice di valore.

Lo aveva dimostrato all’esordio, tre anni fa, con l’apprezzato Cool Dry Place: lasciapassare verso l’indipendente californiana che ne diffonde adesso il seguito.

Frattanto è avvenuto qualcosa nella sua vita e qui lo testimonia “Cubic Zirconia”, dichiarazione d’amore queer: “Quasi magicamente sono stata in grado di accettare quella parte di me, agendo di conseguenza e godendomela”, spiega lei stessa. D’intensità folgorante i versi che la descrivono: “Il viso incorniciato dalla felpa con cappuccio come ostrica in una conchiglia, i tuoi occhi mi guardano come un paio di perle arrabbiate, sei la sirena più graziosa nel negozio di souvenir”.

La zirconia cubica è una pietra artificiale impiegata in gioielleria come succedaneo del diamante: prodotto sintetico al pari del Blue Raspberry cui l’album è consacrato, colorante e aromatizzante usato nell’industria dolciaria.

Nel brano omonimo, una ballata dalla vaga inflessione country, Kirby canta: “La fisionomia della sua figura comincia a emettere una fluorescenza che sembra abbia assorbito dalle lampade del laboratorio nel quale sicuramente è nata”, dopo aver dichiarato la propria sottomissione (“Sto sotto il suo tacco come zucchero candito, schiacciata fino a scintillare, spalmata sul cemento”).

Di tutte le qualità di cui dispone, il trasporto immaginifico dell’esposizione è forse la più rilevante. In “Salt Crystal”, ad esempio, sulla traccia disegnata dal pianoforte, la voce torna alla metafora chiave: “Bambolina di zirconia cubica, non capisco perché tutti i frammenti del tuo bicchiere da cocktail non valgono quanto i diamanti”.

I temi sono dunque ricorrenti e conferiscono coerenza narrativa all’insieme: “È una specie di puzzle”, conferma l’interessata. Ravvivano la messinscena alcuni guizzi di verve umoristica: il “bombardamento a tappeto di estrogeni” in “Wait Listen” (dove poi la si ascolta dire: “Nuda sembro proprio un Rembrandt”), oppure gli “indici di massa corporea e acidi ialuronici” snocciolati durante “Drop Dead”.

Musicalmente il disco ostenta maggiore ambizione rispetto al precedente: compaiono così fiati, tipo un timido clarinetto nell’iniziale “Redemption Arc”, e archi, in particolare il violoncello che sottolinea l’umore ombroso di “Alexandria” e asseconda la pacata malinconia di “Party of the Century”, prima della resa dei conti finale (“Siamo la festa del secolo, che ti rende simile a un tramonto, a una tempesta di neve, a una siccità, a una guerra”).

Cronaca di una transizione dalla sfera eterosessuale, cui allude con amarezza “Fences” (“Ogni volta che si accende, ti avventi sulla manopola per spegnerlo”), a una nuova dimensione tutta da esplorare, Blue Raspberry riserva all’epilogo il ricordo dell’educazione evangelica impartitale dai genitori nell’infanzia: attraverso il rituale del pranzo domestico, “Table” rievoca – parole sue – “un passato infestato da Dio”.

L’accento della canzone sfiora l’indie rock, facendo somigliare l’autrice a una sorella minore di Adrianne Lenker dei Big Thief, quando altrove può sembrare invece cugina di Feist: non sarà magari una fuoriclasse, ma Katy Kirby si mostra nondimeno dotata d’indiscutibile talento.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

L’abbraccio di Serpentwithfeet

Il nuovo album dello statunitense Josiah Wise (alias Serpentwithfeet) è un inno al gay clubbing nero

Alberto Campo
pop

Brittany Howard, e ora?

What Now è il nuovo album di Brittany Howard, l’ex-cantante degli Alabama Shakes

Ennio Bruno
pop

Helado Negro e l’arte di oscillare

Phasor è il nuovo lavoro del “gelataio” statunitense Robert Carlos Lange, alias Helado Negro

Alberto Campo