Il retrò (senza nostalgia) di Jessica Pratt

Quiet Signs, il delizioso terzo album della cantautrice californiana Jessica Pratt

Jessica Pratt - Quiet Signs
Jessica Pratt
Disco
pop
Jessica Pratt
Quiet Signs
City Slang
2019

Certi dischi, anziché sorprendere per l’originalità formale o l’azzardo dell’esperimento, incantano con limpida semplicità, affidandosi al gusto e all’ispirazione. Così è nel caso del terzo lavoro realizzato dalla trentunenne cantautrice californiana Jessica Pratt, uscita per la prima volta dal rifugio delle mura domestiche, dove aveva registrato i precedenti.

Quiet Signs è dunque diverso da quei due album, ancorché in maniera impercettibile, appena più rifinito nella cura del suono e ricco negli arrangiamenti: pianoforte, organo, flauto e archi simulati al sintetizzatore, oltre a voce e chitarra. Canzoni esili ma niente affatto inconsistenti: nove in tutto, per un totale inferiore alla mezz’ora. Un tratto di essenzialità che rispecchia lo schema di scrittura: lineare senza risultare banale, classico ma non ovvio. Ricorda nelle fattezze alcune colleghe del passato, perlopiù minori: le connazionali Karen Dalton e Judee Sill, oppure la misconosciuta tedesca Sibylle Baier. Musica talmente leggera, quella di Jessica Pratt, che pare sia in grado di levitare: dotata d’ineffabile fascino retrò, eppure affrancata da intenzioni nostalgiche. Prendiamo ad esempio “This Time Around”, incaricata a fine ottobre di anticipare il resto: una ballata diafana e tuttavia intensa, nella quale percepiamo il desiderio di riscatto di una donna che “portava sulla faccia i segni degli strani anni perduti”.

Ad aprire la sequenza è un episodio pressoché strumentale, guidato dal piano e omonimo al film diretto da John Cassavetes nel 1977, “Opening Night”: riflessione sull’invecchiamento e la caducità delle cose in scala cinematografica. Sviluppando i medesimi accordi alla chitarra, la successiva “As the World Turns” introduce il canto miagolante di Jessica Pratt, sensuale e naïf. Ecco poi “Fare Thee Well”, fra gli apici della raccolta: brumoso come certo folk inglese d’antan. In “Here My Love” e “Poly Blue” si capta invece un’eco lontana che sa di bossa nova, mentre “Crossing” ha quasi cadenza da minuetto. Chiude il programma “Aeroplane”, increspata da riverberi ed elettricità infinitesimali: “Il destino dev’essere dalla mia parte”, cinguetta la protagonista. Una vera squisitezza.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

La bellezza da incubo di Croatian Amor

Il vulcanico musicista sperimentale danese Loke Rahbek dà alle stampe Isa, sesto disco a nome Croatian Amor

Ennio Bruno
pop

Il suono grosso del Muro del Canto

L'amore mio non more è il quarto disco per il gruppo romano, un folk rock possente e profondo

Guido Festinese
pop

Massimo Volume: un audiolibro elettrico

Il ritorno discografico dei Massimo Volume con Il nuotatore (42 Records), dopo quasi sei anni di silenzio

Alberto Campo