Il disco americano dei King Hannah

Big Swimmer, il secondo album del duo di Liverpool King Hannah, è stato concepito in tournée oltreoceano

King Hannah
Disco
pop
King Hannah
Big Swimmer
City Slang
2024

Dopo aver pubblicato due anni fa l’album di debutto I’m Not Sorry, I Was Just Being Me i King Hannah si sono avventurati in tournée, arrivando pure in Italia la scorsa estate. Ed è appunto girando il mondo che ha preso forma il disco nuovo, Big Swimmer:

«Visitare un paese straniero è come assistere alla vita di qualcun altro», hanno commentato. A influenzarlo, in particolare, è stato il tragitto compiuto oltreoceano: lo testimoniano in maniera eloquente i titoli di un paio di brani, “New York, Let’s Do Nothing”, dove l’esposizione di Hannah Merrick ricorda lo sprechgesang di Florence Shaw nei Dry Cleaning (“Ero a un colloquio di lavoro, ricordo di aver mentito su ciò che sapevo, lui disse: ‘Mi dica qualcosa di lei, allora’. Risposi: ‘Beh, sono cantante e anche musicista’. E lui: ‘Oh no, ancora un altro!’”), e “Somewhere Near El Paso”, con una narrazione on the road sorretta dalla trama minimalista tessuta alla chitarra da Craig Whittle (“Stavamo guidando sull’autostrada vicino a El Paso e ci siamo fermati a una stazione di servizio, due ragazzi avevano appena vinto quaranta dollari con un gratta e vinci, facevano il pieno di benzina, io li osservavo, dicevano che quella sera sarebbero andati al bordello”).

Merrick e Whittle costituiscono la coppia motrice della band di Liverpool – dal vivo un quartetto con Conor O’Shea al basso e Jake Lipiec alla batteria – e ne indirizzano il cammino musicale assecondando ascendenze che non esitano a indicare esplicitamente: “Mi piace ascoltare Bill Callahan, mi riscalda il cuore più di tutte le altre persone che conosco e non conosco”, recita ad esempio il testo di “Suddenly, Your Hand”, ballata dall’andamento sereno finché i tormenti chitarristici ne deviano il corso in senso melodrammatico, mentre in chiusura troviamo un quadretto di quiete domestica dedicato a un altro cantautore di culto (“C'è spazio in cucina, se vuoi unirti a me, sto preparando qualcosa, ascolto John Prine alla radio e mi sento bene”) e in “Lily Pad” – costruito appropriatamente in chiave “post rock” – Hannah confessa di sentirsi “come se fossi sulla copertina di quell’album degli Slint con sopra tutti e quattro semplicemente a mollo”.

L’allusione all’ambientazione amniotica di Spiderland è rafforzata dal ritratto della “grande nuotatrice” menzionata nell’intestazione, che corrisponde all’episodio introduttivo: folk song fluviale (“Quando il fiume scorre e la foce arriva alla fine, continui a nuotare o salti fuori e afferri l’asciugamano?”) onorata dalla presenza di Sharon Van Etten.

 

 

L’affermata cantautrice statunitense bissa il cammeo in “This Wasn’t Intentional”, mantra di scuola slowcore a detta degli autori ispirato all’atmosfera narcotica di Aftersun, straordinario lungometraggio d’esordio di Charlotte Wells.

A proposito di riferimenti cinematografici, eccone uno per Dallas Buyers Club nell’istantanea di viaggio immortalata in “Milk Boy (I Love You)”: “Poi arrivò un furgone e ne saltarono fuori due uomini, mi ricordavano McConaughey in quel film sull’Aids non abbastanza premiato, alti, magri, con i blue jeans sbiaditi e un paio di baffi cattivi, un po’ gialli e arancioni”.

Fra una citazione e l’altra, il duo finisce per descrivere così il proprio habitat culturale, popolato da figure e opere apprezzabili: il risultato non sarà forse originalissimo, ma funziona. Lo dimostra “Davey Says”, numero d’indie rock americano modello Generazione X dallo svolgimento quasi scolastico e tuttavia efficace.

 

 

Alberto Campo

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

L’epitaffio discografico di Steve Albini

To All Trains degli Shellac è uscito dieci giorni dopo la morte del fondatore

Alberto Campo
pop

Il sofferto esordio solista di Beth Gibbons

In Lives Outgrown la voce dei Portishead mette in musica il suo bilancio esistenziale

Alberto Campo
pop

Musica per i medici di Gaza

Una splendida compilation per l'italiana Love Boat supporta l'organizzazione MAP (Medical Aid for Palestinians)

Ennio Bruno