Il colorato giardino di OoopopoiooO

L'elettro-dadaismo di Vincenzo Vasi e Valeria Sturba torna nel nuovo disco Elettromagnetismo e libertà

Valeria Sturba e Vincenzo Vasi- OoopopoiooO
Valeria Sturba e Vincenzo Vasi
Disco
pop
OoopopoiooO
Elettromagnetismo e libertà
Oopart
2019

Il coloratissimo e plasticoso giardino degli OoopopoiooO torna a aprire i suoi cancelli. Sotto la forma apparente di un luna-park sonoro – e mantenendone tutte le componenti più amusant – il duo formato da Vincenzo Vasi e Valeria Sturba mette in scena un rituale elettro-dada in costante evoluzione.

Cannibali del theremin: il progetto OoopopoiooO

Pescando dal cestone delle meraviglie degli strumenti (theremin, violino e basso restano centrali insieme all’intreccio delle voci, ma c’è di tutto, da un “rosario elettronico” a barattoli di tisane), i due artisti intrecciano canzoni innervate da un polistilismo ludico che sarebbe superficiale ridurre solo a pastiche, per quanto gustoso e colto.

Come salmoni con un cappellino cotillon un po’ sghembo in testa, OoopopoiooO risalgono la corrente di conformismo sonoro mascherato da libertà hip che scorre placido sulle timelines dei social e innestano una serie di microcariche esplosive in grado di riaccendere angoli di attenzione differenti (anche scomodi).

Di Elettromagnetismo e libertà colpisce l’intelligenza degli arrangiamenti, sia quando si muove nel patchwork come in “Il topolino va”, sia quando struttura una personalità “elettromagnetica” vitale e aliena, come in “OOPart”, tanto per fare due esempi. Ma c’è ovviamente di tutto, dalle inquietudini sci-fi al noir da videogame di “PerDono” (con la voce di Max Princigallo), in un flusso anche a tratti fastidioso volendo, ma in grado di dare corpo a un nomadismo che mi sembra più vitale di mille apparenti novità che giungono dalla scena urbana più giovane (provate “Toko”!)

Dare corpo. Ecco, nel disco non ci sono i corpi (lucenti nelle loro tute colorate dei live) di Valeria e Vincenzo, che sono parte integrante del rituale. E che sembrano quasi emergere nel kids-tribal finale della canzone che dà titolo al disco.

Ma come si esce da questo giardino??

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

La pastorale americana di Bill Callahan

Il ritorno di Bill Callahan dopo sei anni di silenzio: le canzoni a cuore aperto di Shepherd in a Sheepskin Vest

Alberto Campo
pop

Calexico e Iron & Wine, 14 anni dopo

I Calexico tornano a fare comunella con Iron & Wine in Years to Burn, in attesa del tour italiano in estate

Alberto Campo
pop

Bedouine, la tenera guastafeste

Il secondo album di Bedouine, Bird Songs of a Killjoy, conferma il valore della cantautrice statunitense di origine armena

Alberto Campo