Grace Cummings, folk e melodramma

Il secondo album dell’artista australiana Grace Cummings nel segno di Dylan e Townes Van Zandt

Grace Cummings
Grace Cummings
Disco
pop
Grace Cummings
Storm Queen
ATO
2022

Australiana di Melbourne, Grace Cummings è attrice di teatro e cantautrice. In quest’ultima veste pubblica in questi giorni il proprio secondo album, che segue a poco più di due anni di distanza Refuge Cove, realizzato per l’indipendente locale Flightless, i cui titolari si convinsero a finanziarlo avendola ammirata destreggiarsi con “It’s All Over Now, Baby Blue” in un video domestico.

Allude ora a Dylan un verso di “Raglan”, invece: “Sto qui a guardare il disco che gira, di nuovo Highway 61”.

È una quieta ballata a tinte fosche nella quale si riverbera l’eco del folk irlandese che il padre ascoltava in casa: «Mi piace perché conduce a luoghi oscuri e drammatici», ha spiegato l’interessata. Altrove il tono è meno grave, ad esempio nell’essenziale “Two Little Birds” e in “Always New Days Always”, aggraziato madrigale in aperto contrasto con il precedente “Heaven”, incipit dell’opera dove l’accento blues stentoreo e arrochito della voce – affine a certe interpretazioni di Diamanda Galás o PJ Harvey – esibisce un’intensità melò.

Il testo della canzone evoca simbologie religiose, “Ho appena scoperto il paradiso” e “Ave Maria”, salvo concludere poi: “Vedi la mela appesa all’albero, svanisce mentre la raggiungi, non c’è nessun Dio”. “Per me parlare di Dio o di Maria madre è un modo di definire qualcosa di bello che non capisco, qualcosa che non fa parte del mondo in cui viviamo”, ha chiarito lei a scanso di equivoci.

Analogamente va interpretata dunque l’immagine simbolica intorno alla quale gravita “Up in Flames”, dopo un inchino a Robert Frost, poeta prediletto da John Fitzgerald Kennedy: “Notre-Dame brucia, oggi la sua bellezza è in fiamme”, canta Cummings con potenza da gospel.

Altri elementi ricorrenti nella narrazione sono Re e Regine, oppure aquile e aquiloni, associati nell’elegiaco epilogo “Fly a Kite”, che sfocia in uno struggente assolo di Theremin. In Storm Queen la strumentazione è più articolata rispetto al debutto, ma comunque disadorna: oltre alla chitarra, si ascoltano il pianoforte (“Dreams), un violino (“Freak”) e il sassofono spettrale che aleggia nel brano da cui prende nome l’intero disco, introdotto da un appello a Townes Van Zandt, altro nume tutelare evidentemente.

L’approccio della protagonista alla scrittura e alla registrazione antepone la spontaneità alla ricercatezza: la maniera migliore per mettere in mostra un talento notevole, al tempo stesso ispido e amorevole.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Le canzoni “patologicamente confessionali” di Samia

Honey è il secondo album di Samia, giovane cantautrice statunitense dal talento ancora acerbo ma nitidissimo

Alberto Campo
pop

La versione levigata di Popcaan

Non convince del tutto il nuovo album della dancehall superstar Popcaan, per la label di Drake

Ennio Bruno
pop

Complete Mountain Almanac, canzoni sul cambiamento climatico

Il folk da camera di Rebekka Karijord e Jessica Dessner

Alberto Campo