Amnesia Scanner, il fattore transumano

Another Life è il primo album degli Amnesia Scanner, “accelerazionisti” finlandesi a Berlino: una colonna sonora del nostro tempo

Amnesia Scanner
Disco
pop
Amnesia Scanner
Another Life
Pan
2018

“Un’altra vita”? Dev’essere quella che stiamo cominciando a sperimentare: la dialettica Uomo/Macchina portata alle conseguenze estreme, quando cioè non sarà facile capire chi sia il terminale di cosa. In musica, oltre quattro decenni fa ormai, provarono a esplorarla da pionieri i Kraftwerk, ma ancora in un contesto analogico: nell’era digitale la simbiosi tra i due fattori è molto più serrata. E veniamo così ai finlandesi a Berlino Ville Haimala e Martti Kalliala, che fanno – nomen omen – la "scansione dell’amnesia" – Amnesia Scanner. In questo album, primo realizzato dal duo, dopo alcune uscite su formati meno voluminosi e qualche prestigiosa incursione nel circuito dell’arte londinese (ICA e Serpentine Gallery), le voci che si ascoltano sono sia antropiche (di Pan Dajing, produttrice e performer cinese, anch’ella ridislocata nella capitale tedesca) sia computerizzate (la creatura chiamata Oracle). Essendo altresì la prima filtrata, la sensazione è straniante.

Ci troviamo nella zona del transumanesimo, insomma. Non a caso gli Amnesia Scanner vengono citati fra gli esponenti su scala musicale dell’accelerazionismo: “Teoria politica secondo cui si può giungere al superamento del capitalismo accelerando, anziché contrastando, i processi che lo caratterizzano”, dice Treccani. Controversa visione del mondo – banalizzata: una rivisitazione del “tanto peggio tanto meglio” di malatestiana memoria con aggiunta di euforia futurista – che inizialmente, a metà anni Novanta, ebbe per epicentro l’università di Warwick, in Inghilterra, generando diramazioni successive verso destra (il padre fondatore Nick Land, adottato di recente come maître à penser dall’alt-right statunitense) e sinistra (il compianto filosofo e critico Mark Fisher). Poiché gli “amnesici” non hanno rivendicato finora appartenenza alcuna, è bene rimanere però all’effetto che fa l’ascolto di Another Life: opera in cui convergono – amalgamandosi – radicalità “industriale”, dubstep originario e R&B tendente alla trap, con risultati impressionanti anzichenò. Valgano a dimostrarlo “Too Wrong” e “Chaos” (in verità ogni titolo è preceduto dal prefisso “AS”, omesso qui per brevità).

E se il brano che dà nome al disco suona come rap robotico su base di metal elettronico, al capo opposto “Chain” tratteggia un desolato scenario ambient. All’apice, volendo, potremmo collocare “A.W.O.L.”: atmosfera cupa, minaccioso contenuto verbale e inquietante melodia stile carillon, quasi fossimo in un film di Dario Argento aggiornato all’epoca dell’Intelligenza Artificiale. Piaccia o non piaccia, una colonna sonora adeguata al nostro tempo.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Nihvek, suoni e luoghi di Liz Harris

After Its Own Death / Walking in a Spiral Towards the House è il doppio album di Liz Harris (alias Grouper) a nome Nihvek

Ennio Bruno
pop

Rustin Man, ruggine dallo spazio

Drift Code è l’avventuroso ritorno discografico dell’ex Talk Talk Paul Webb

Alberto Campo
pop

La bellezza da incubo di Croatian Amor

Il vulcanico musicista sperimentale danese Loke Rahbek dà alle stampe Isa, sesto disco a nome Croatian Amor

Ennio Bruno