Viaggio virtuale nella Chapelle Royale

Un expodcast per visitare (e ascoltare) la Chapelle Royale di Versailles all’epoca del Re Sole

Centre de Musique Baroque de Ve rsailles (© Pierre Grosbois).jpg
Centre de Musique Baroque de Versailles (Foto di Pierre Grosbois)
Articolo
classica

Il 12 novembre 2020 si è inaugurato con una conferenza stampa online il progetto Musique et musiciens à la Chapelle royale, definito expodcast (dalla fusione tra exposition e podcast). Si tratta di una mostra virtuale nata dalla sinergia tra due partner, il Centre de musique baroque de Versailles (CMBV) e France Musique, il canale radio culturale del servizio pubblico, e concepita come una integrazione tra le risorse offerte da due media, la radio e il Web.

Il CMBV aveva iniziato a pensare di sviluppare una esposizione virtuale circa due anni fa, ma la pandemia mondiale e il relativo ripetuto confinamento hanno accelerato lo sviluppo di questo progetto innovativo, nato dal desiderio di ampliare il pubblico interessato alla musica barocca, e vissuto in questo difficile momento come una sorta di compensazione della attuale assenza di concerti, via via sempre più presenti a partire dalla creazione del CMBV nel 1987.

Il sito dell’expodcast consente una navigazione flessibile all’interno dei suoi sei episodi  grazie a molteplici testi, immagini, video, e soprattutto contribuiti audio, assimilabili a brevi radiodocumentari, arricchiti da numerosi ascolti delle musiche che risuonarono dentro e fuori la monumentale reggia. L’esperienza visivo sonora, fruibile sia in francese che in inglese, consente infatti di entrare nel cuore del celebre palazzo e aprire quello definito come il suo scrigno sonoro: la Cappella reale.

Chapelle Royale Versailles

La vita musicale di corte all’epoca di Luigi XIV è un esempio quasi unico del rapporto tra musica e potere nel panorama dell’arte musicale barocca. La giornata del re Sole, e della sua corte, era scandita da esecuzioni musicali pubbliche e private, e il sovrano controllava tutti gli aspetti delle rappresentazioni artistiche che facevano parte dell’aura che circondava la sua figura.

Anche la celebrazione quotidiana della messa era l’occasione per eseguite i grands mottets o motets à grand chœur, le solenni grandi pagine corali e orchestrali che risuonavano nella Chapelle royale e che nel glorificare Dio erano allo stesso l’esaltazione della magnificenza regale.

A seconda dei suoi interessi il visitatore/ascoltatore/internauta può progressivamente approfondire i dettagli musicali, storici, artistici e architettonici delle attività musicali del palazzo di Versailles durante il lungo regno di Luigi XIV e oltre, navigando nel sito appositamente dedicato a quello che si potrebbe definire una sorta di museo virtuale, e che nei prossimi anni probabilmente si arricchirà di altri expodcast.

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

classica

il rilancio del Luglio Musicale Trapanese con la ripresa del Concorso “Giuseppe Di Stefano”: parla Matteo Beltrami 

classica

«Cedere il passo al sogno», a cura di Marco Moiraghi, raccoglie contributi dedicati alla carismatica figura di Emilia Fadini

classica

Il libro di Mario Baroni e Rossana Dalmonte ripercorre con maestria e leggerezza la vita e la carriera del musicista veneziano