Rispolverando il soul!

Alla riscoperta delle ristampe di Johnny Bristol, Jimmy Ruffin e J.B.’S

Articolo
jazz

Bello riscoprire, tra le tante ristampe, piccole grandi gemme del soul e del funk degli anni Settanta, magari in edizioni digipack in cartoncino che riproducono il vinile originale (quelle che seguono sono distribuite da Egea).

Accade ad esempio per Johnny Bristol, arrangiatore e produttore per la Motown – sua ad esempio “Someday We'll Be Together”, ultimo successo delle Supremes prima della separazione con Diana Ross – e che nel 1974 debutta per la MGM con Hang On In There Baby, grande successo all’epoca (sfiorò la vetta delle classifiche in quei mesi) e ora riproposto.

Il disco si apre con una “Woman, Woman” che ancheggia come un Bill Withers di quelli ossessivi, per poi aprirsi alla title track, vera gemma che – curiosamente, potere dello zeitgeist – percorre le atmosfere sensuali della coeva “Can't Get Enough of Your Love, Babe”. Di quei pezzi che vorresti non finissero mai.

Anche il resto del disco è di grande qualità, tra classici ballatoni (l’efficace “You And I” ripresenta la medesima circolarità testosteronica di “Hang On…”) e morbidi funk, lasciandovi con la insopprimibile voglia di riascoltarlo subito. Cult da riscoprire.

Buone vibrazioni anche con Jimmy Ruffin e il suo “The Groove Governor”, disco uscito originariamente nel 1970. Fratello maggiore di David Ruffin dei Temptations, Jimmy ha goduto di una discreta popolarità tra la metà degli anni Sessanta e la metà dei Settanta e questo disco, il terzo per la Motown, non fu tra i più fortunati.

Forse la mancanza di un qualcosa di davvero originale ha penalizzato il lavoro, che in realtà è realizzato e arrangiato con grande cura e contiene anche belle versioni di “This Guy’s In Love With You”, “Take A Letter Maria” o “Let's Say Goodbye Tomorrow” che lo rendono un bel gioiellino northern soul da riscoprire.

Chiudiamo il trittico con l’energia funk dei J.B.’S e del loro “Doing to The Death”. Correva l’anno 1973, l’etichetta era la People di James Brown, di cui la band era il gruppo stabile, e che compare anche nel disco.

La title-track, di grande successo, è uno di quei pezzi killer, ma tutto il disco, grazie alla presenza di gente come Fred Wesley, Maceo Parker, Jabo Starks alla batteria, è un nervo pulsante di funkiness. Tutto da ballare e riascoltare.

Una piccola annotazione a parte meritano le tre copertine: se quella dei J.B.’S ritrae la band durante una puntata di Soul Train, quella di Bristol è un condensato del luogo comune seduttorio, con lui con sguardo tele-fecondante e collanone di turchese su camicia aperta (sullo sfondo, un po’ sfocata, una probabile “vittima” del suo fascino, in bikini del medesimo colore) e quella di Ruffin, giocando sul titolo del disco che lo vede ambire alla carica di “governatore” del groove, vede la bella ragazza nera di turno indossare spille elettorali a stelle e strisce che invitano a votarlo. Deliziose!

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Una riflessione sull'autorialità dei temi del jazz italiano, a partire da un disco e da una raccolta di spartiti

jazz

Le novità jazz del mese da ascoltare in una playlist esclusiva

jazz

Esce per CAMJazz il debutto di Pipe Dream, il progetto di Zeno De Rossi, Filippo Vignato, Pasquale Mirra, Giorgio Pacorig e Hank Roberts: l'intervista