Matylda Gerber, la scienziata del sax

Per la serie Giant Steps, andiamo alla scoperta della sassofonista polacca Matylda Gerber

Matylda Gerber (foto di Bastek Łąkas)
Matylda Gerber (foto di Bastek Łąkas)
Articolo
jazz

Questo articolo è pubblicato contemporaneamente sulle seguenti riviste europee, nell'ambito di "Giant Steps", un'operazione di valorizzazione delle giovani musiciste jazz e blues: Citizen Jazz (Fr), JazzMania (Be), Jazz'halo (Be), LondonJazz News (UK), Jazz-Fun (DE), il giornale della musica (IT), In&Out Jazz (ES) e Donos Kulturalny (PL). 

#Womentothefore #IWD2024

Matylda Gerber è sassofonista, compositrice, membro dei gruppi Ślina e sneaky jesus. Co-organizzatrice della Wrocław Improvised Orchestra. Vincitore di premi della rivista Jazz Forum e dell'Associazione Jazz Melomani. Scienziata e professionista specializzata nell'intuizione e nel suo ruolo nel processo decisionale.

Quando si digita il nome di Matilda Gerber in un motore di ricerca, si rimane sorpresi dai risultati piuttosto diversi. La sorpresa sarà ancora maggiore quando si scoprirà che riguardano tutti la stessa persona. 

Cominceremo quindi a presentarla con argomenti non musicali.

Matylda Gerber si è laureata con un master in finanza e psicologia e ha poi conseguito un dottorato in scienze sociali presso la Warsaw School of Economics, una delle più prestigiose università polacche. La sua area di interesse è l'intuizione e il suo ruolo nel processo decisionale. Nel corso della sua carriera, Matilda Gerber ha partecipato, tra l'altro, a ricerche sul lavoro degli analisti criminali dei dipartimenti di polizia, dei medici, degli imprenditori e degli investitori di borsa. Una sintesi delle sue attività in questo campo è il libro Intuition. Guide for Those Who Love to Ponder

E a questo punto potremmo chiederci: perché la musica, per una persona che ha tanto successo in un altro campo?

«Non ho mai frequentato una scuola di musica, ma ho preso lezioni di pianoforte fin dall'infanzia e preso lezioni di composizione. Il sassofono, invece, è arrivato solo a 18 anni».

Nonostante il coinvolgimento in un ensemble, la musica è rimasta a lungo in secondo piano e la svolta è arrivata durante un soggiorno di studio a Londra che, a livello artistico, ha portato all'esplorazione della ricca scena musicale locale, alla partecipazione a jam session e a un contatto e a una collaborazione sul palco con Sarathy Korwar.  

«A un certo punto mi sono accorta che ricevevo così tanti feedback positivi sul mio modo di suonare che non riuscivo più a farne a meno. Dopo essere tornata in Polonia, ho deciso che volevo sviluppare questo aspetto, sono diventata più consapevole di questa fame musicale che c'era in me». Uno stimolo significativo è arrivato quando è stata invitata a esibirsi al concerto di apertura del festival Jazztopad a Wrocław.

Oggi la sua principale attività musicale è rappresentata da due band: Ślina (in italiano Saliva) e sneaky jesus. 

Il quartetto di improvvisatori Ślina, oltre alla propria attività, registra e si esibisce con Mikołaj Trzaska, una figura iconica della scena improvvisata polacca ed europea. La storia di questa collaborazione è iniziata con la ricerca da parte di Matylda di un sassofono baritono. Un sassofono usato, in quanto dotato di un suono migliore.

Non è un compito facile e di solito c'è una coda di persone disposte ad acquistarlo. La vendita dello strumento di Mikołaj Trzaska nel 2018 non è stata diversa, ma una conversazione personale e una sorta di "audizione" hanno fatto sì che il baritono andasse a Matilda.

«Avevo già provato altri sassofoni, ma il loro suono non mi piaceva. Qui ho sentito subito che era quello che stavo cercando e il suo suono mi piace sempre». Trzaska era curioso di vedere come si sarebbe trasformato il suo strumento. La musica di Ślina gli è piaciuta così tanto che ha proposto di aiutare il gruppo a pubblicare un album. Da qui la possibilità di concerti congiunti e la proposta di registrazioni insieme. Nel 2024 possiamo aspettarci almeno una pubblicazione a nome Ślina-Trzaska, poiché diverse ore di materiale già registrato attendono di essere pubblicate.

Ci dice Mikołaj Trzaska: «Quando ho incontrato Matilda per la prima volta, sono rimasto sorpreso dal fatto che abbia preso in mano lo strumento e abbia iniziato subito a suonarlo molto forte, con un suono aperto e deciso. Abbiamo un po' di cose in comune: nel senso che Matylda – come me – ha iniziato a suonare il sassofono in età abbastanza matura e ha cominciato a esplorarlo con una mente già adulta. E sono felice di come si stia sviluppando, di come stia suonando in modo sempre più interessante e sempre migliore. Naturalmente, è ancora alla ricerca del suo linguaggio, lo sviluppa continuamente, ma ha la consapevolezza di come funziona. È in grado di scoprire cose nuove durante il concerto, durante il processo creativo, non ha paura del sassofono».

«Suona sia il tenore che il contralto e il baritono. Sa di cosa parla attraverso la musica e perché lo fa in questo modo particolare. Nel suo caso, si ha la sensazione che stia raccontando una storia di sé attraverso la musica. Sa suonare, ma sa anche ascoltare ciò che le accade intorno sul palco. Ha il dono di trovare melodie semplici e di costruirle in modo eccessivo. Ma d'altra parte, ha anche la pazienza, la capacità di rimanere con il primo suono che arriva. In lei troviamo sia la rabbia che la tenerezza, che appare sempre più profonda. E la loro forza è la sincerità di questo messaggio».

Ślina punta sull'improvvisazione, ma Matilda aveva bisogno anche di altre sfide ed ecco l'adesione a sneaky jesus. La suddivisione dell'attività in due band è una decisione consapevole e ponderata. «Ho sempre pensato che sarebbe stato bello lavorare con una band in cui avrei potuto comporre. Abbiamo suonato insieme delle jam session e si è scoperto che ci capivamo bene». Quindi le attività dei due gruppi si completano perfettamente.

Gli sneaky jesus hanno già due album in discografia, entrambi pubblicati dall'etichetta londinese Shapes of Rhythm. La band stupisce per la leggerezza e la libertà con cui si muove tra convenzioni e stili, è musica che respira freschezza. La diversità della narrazione musicale è accattivante, la fluidità del passaggio dalla delicatezza alla frenesia, dalla melodiosità a ritmi più pesanti e rumorosi.

Le attività musicali di Matylda Gerber sono ulteriormente integrate dalla Wrocław Improvised Orchestra, una piattaforma che riunisce artisti di vari generi musicali, accomunati dall'interesse per la musica improvvisata. 

L'orchestra si riunisce regolarmente per le prove e organizza concerti ciclici durante i quali i gruppi si esibiscono in formazioni organizzate a caso. L'orchestra tiene anche concerti a proprio nome con una formazione completa di una decina di musicisti. Durante il festival Jazztopad del 2023, Matylda ha anche guidato una band jazz giovanile, preparandone l'esibizione. Un'altra importante esperienza dell'artista è stata la partecipazione a due sessioni dell'International Jazz Platform - workshop a Łódź e Oslo. 

Tutto questo è stato riconosciuto dalla comunità jazzistica con due importanti e prestigiosi premi assegnati a Matylda Gerber nel 2023. Nel sondaggio della critica condotto dalla rivista Jazz Forum, ha vinto la categoria Rising Star ed è stata premiata con lo stesso titolo al Jazz Melomani Association Gala.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Per il ciclo di articoli #Womentothefore #IWD2024, la sassofonista belga Marjan Van Rompay

jazz

Per il ciclo di articoli #Womentothefore #IWD2024, la sassofonista e compositrice inglese Asha Parkinson

jazz

Per il ciclo di articoli #Womentothefore #IWD2024, scopriamo la cantante e compositrice tedesca Miriam Ast