L'Art Ensemble di Chicago: un libro e un mixtape

Grande musica nera di Paul Steinbeck (Quodlibet) racconta la storia dell’Art Ensemble di Chicago: la recensione e una compilation esclusiva

Art Ensemble of Chicago
Articolo
jazz

Paul Steinbeck
Grande musica nera. Storia dell’Art Ensemble di Chicago
Macerata, Quodlibet 2018, 400 pp., 25€

In questi ultimi anni un paio di libri hanno saputo raccontare (e collocare culturalmente all’interno della pluralità di dinamiche che spesso i luoghi comuni ignorano) le vicende della musica afroamericana a Chicago dagli anni Sessanta a oggi. Se lo sfaccettato universo, anche produttivo e sociale, dell’AACM (Association for the Advancement of Creative Musicians, l’associazione attorno a cui si sono mosse e continuano a muoversi alcune delle idee più creative della scena) è stato straordinariamente affrontato da George Lewis nel suo essenziale A Power Stronger than Itself: The AACM and American Experimental Music, la storia del gruppo più importante e conosciuto nato all’interno dell’associazione, l’Art Ensemble of Chicago, ha trovato in Paul Steinbeck l’autore in grado di mettere mano a cinquant’anni di vicende artistiche e umane.

LEGGI LA PREFAZIONE DI CLAUDIO SESSA AL LIBRO

Il libro di Steinbeck è ora stato tradotto in Italia da QuodlibetGrande musica nera. Storia dell’Art Ensemble di Chicago è un lavoro davvero riuscito, che non solo racconta l’evoluzione artistica del gruppo, ma riesce anche a disegnare in modo semplice ma efficace cinquant’anni di storia sociale della musica nera tra America e Europa.

Art ensemble, Paul Steinbeck, Quodlibet

La struttura del libro è cronologica, e racconta le avventure del gruppo a partire dal fervore artistico e sociale del South Side di Chicago, passando per gli intensissimi mesi a Parigi, il riconoscimento della comunità jazzistica internazionale e gli anni più recenti. 

Molto interessante è la presenza di tre capitoli che analizzano in modo meticoloso tre momenti chiave della produzione dell’Art Ensemble: i dischi A Jackson In Your House Live At Mandel Hall e il concerto Live From The Jazz Showcase.

Ne viene fuori un libro che si muove con grande intelligenza fra la narrazione e l’analisi, mai pesante quest’ultima e anzi funzionale a entrare meglio in un universo di pratiche e segni così ricco e affascinante. 
Un libro assolutamente indispensabile per chiunque ami la musica dell’Art Ensemble e non solo.

Nell’occasione dell’uscita, pubblichiamo in esclusiva la prefazione del libro, curata da Claudio Sessa e davvero importante perché delinea il lungo e felice rapporto tra l’Art Ensemble e il nostro paese.

Non può mancare anche un mixtape tutto dedicato al gruppo, da ascoltare magari leggendo il libro.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Intervista a Aquiles Navarro e Tcheser Holmes degli Irriversible Entanglements, che hanno appena pubblicato Heritage Of The Invisible II

jazz

Il meglio del jazz del mese in una playlist esclusiva, da Miles Davis a Marc Ribot

jazz

Intervista al contrabbassista e compositore, tra il venticinquennale di ParmaJazz Frontiere e i nuovi progetti