La Stagione “Titanica” della Toscanini

È stato presentato il ricco cartellone della 48a Stagione di Concerti 2023/24 della Filarmonica Toscanini che avrà inizio dal 21 ottobre | IN COLLABORAZIONE CON FONDAZIONE TOSCANINI

Kent Nagano (foto Antoine Saito)
Kent Nagano (foto Antoine Saito)
Articolo
classica

Il cartellone della 48a Stagione concertistica 2023/24 offre una ricca varietà di proposte destinate a un pubblico con aspettative ed esigenze diversificate nell’ambito della quinta e ultima stagione del Sovrintendente e Direttore artistico Alberto Triola. Protagonista assoluto della nuova stagione sarà il grande repertorio: la Filarmonica Toscanini si misurerà per la prima volta nella sua storia con il ciclo integrale delle Sinfonie di Schumann, autore che viene a costituire un fil rouge della Stagione. Del compositore tedesco verranno infatti eseguiti anche il Concerto per violino, il Concerto per violoncello, l’Ouverture Genoveva e Kreisleriana.

Enrico Onofri (foto Chico De-Luigi)
Enrico Onofri (foto Chico De-Luigi)

Enrico Onofri, Direttore Principale della Filarmonica, porterà a compimento l’integrale delle sinfonie di Beethoven. Il ciclo si chiuderà con la Prima, la Seconda (13 aprile 2024), la Quarta (18 febbraio 2024) e la Nona (1 gennaio 2024) che verrà eseguita per il Concerto di Capodanno, segnando una nuova collaborazione tra La Toscanini e il Teatro Regio di Parma.

Mischa Maisky (foto Bernard Rosenberg)
Mischa Maisky (foto Bernard Rosenberg)

Tra i nomi più prestigiosi figurano quello di Mischa Maisky (28 marzo), solista residente emerito della Toscanini, oltre ai direttori Omer Meir Wellber, Roberto Abbado, George Petrou e al soprano Anna Caterina Antonacci (10 febbraio) nella veste di voce narrante del monodramma Medea di Antonìn Benda. Tra i giovani affermati direttori italiani, affiorano i nomi di Alessandro Bonato (2 dicembre 2023) e Michele Spotti (28 maggio 2024), mentre si appresta a debuttare a Parma Diego Ceretta (26 gennaio 2024).

Saranno ospiti Andrea Lucchi, prima tromba di Santa Cecilia che si misurerà con il Concerto di Haydn durante la serata in ricordo della scomparsa Matteo Beschi, prima tromba della Filarmonica (2 dicembre 2023), il baritono Christoph Pohl e il Trio di Parma, protagonista del concerto in collaborazione con la Società dei Concerti e il Teatro Regio, nel Triplo Concerto di Beethoven (26 gennaio 2024).

Trio di Parma
Trio di Parma

La stagione presenterà inoltre una preziosa declinazione al femminile, a cominciare dalla violinista Carolin Widmann, impegnata sul doppio fronte violinistico Schumann/Mendelssohn (21 ottobre 2023), per proseguire poi con la giovane direttrice della Volksoper di Vienna Keren Kagarlitsky, (2 marzo 2024) la pianista franco-albanese Marie-Ange Nguci, artista in residenza (13 maggio 2024), e la compositrice friulana Daniela Terranova, della quale il pubblico potrà ascoltare due nuove commissioni, mentre verrà eseguita anche una nuova partitura di Filippo Del Corno, co-commissione con l’Orchestra Sinfonica di Milano (28 maggio 2024).

Daniela Terranova
Daniela Terranova

In occasione del centenario della nascita di Puccini verranno eseguite l’elegia per orchestra d’archi Crisantemi e il Capriccio sinfonico, scritto per grande orchestra. A chiusura del cartellone si terrà inoltre un evento straordinario dedicato alla città di Parma: un imperdibile Gala Wagner in Piazza Duomo il prossimo 11 luglio 2024. Sul podio il direttore statunitense Kent Nagano con un programma ispirato ai leggendari concerti toscaniniani.

La rassegna cameristica della Stagione, denominata Salotto Toscanini, abbinerà con una formula originale ciascun programma alla presentazione di un quadro appartenuto alla collezione personale del Maestro. I concerti in Sala Gavazzeni proporranno la riscoperta di un repertorio poco esplorato, a partire da compositori dell’epoca toscaniniana come Martucci e Schönberg, spaziando da Prokofiev alla musica di oggi. La rassegna prevede tra l’altro un recital della solista in residenza Marie-Ange Nguci (13 maggio 2024), che includerà la Berceuse per pianoforte di Arturo Toscanini, e una serata con la Filarmonica nell’inedita veste di orchestra da camera, impegnata nella Kammersinfonie di Schönberg in occasione dei 150 anni dalla nascita del padre della dodecafonia.

La Stagione si completerà con un ampio programma di attività a sfondo sociale ed educativa della Community Music. Un vero e proprio cartellone parallelo che annovera una serie di iniziative distribuite sul territorio, con particolare attenzione alle periferie e alle fragilità, che punteranno su accessibilità e inclusione. Le attività di Community Music saranno svolte in collaborazione con diversi assessorati del Comune di Parma, associazioni e istituzioni del territorio grazie alla residenza artistica del Collettivo Lynus, giovane compagnia teatrale specializzata in progetti di carattere educativo a carattere musicale, altamente accessibili.

Marie-Ange Nguci
Marie-Ange Nguci

All’interno della programmazione Community Music figurano i tre concerti della serie La Toscanini per tutti, il nuovo format pensato per un pubblico non avvezzo alle sale da concerto che prevede una parte divulgativa a cura del musicologo Paolo Russo a introduzione del concerto sinfonico, diretto da alcuni giovani artisti al debutto con la Filarmonica Toscanini: i direttori Giulio Arnofi (il 3 febbraio 2024, La sinfonia classica), Myriam Farina (20 aprile 2024, con la pianista Anna Caterina Binda ne Il concerto romantico) e Giulio Prandi (1° giugno 2024, La musica a programma).

Durante i concerti del sabato troveranno conferma i laboratori Nidi di Musica destinati a bambine e bambini tra i 4 e i 12 anni per consentire ai grandi la fruizione dei concerti in tutta tranquillità e ai più piccoli la partecipazione a divertenti laboratori d’arte, musica e riciclo creativo negli spazi del CPM Toscanini, adiacente all’Auditorium. Saranno cinque gli appuntamenti realizzati: i tre de La Toscanini per tutti, il concerto inaugurale del 21 ottobre e il 2 dicembre 2023.

Oltre a Parma, dove i concerti si svolgeranno tra l’Auditorium Paganini e il Teatro Regio, la Toscanini raccoglie i frutti dell’investimento fatto in questi ultimi anni in termini di relazioni territoriali. I programmi della Filarmonica, che in esclusiva per il Teatro Municipale di Piacenza si esibirà in un concerto diretto da Francesco Cilluffo con il violinista Charlie Siem (23 febbraio 2024), saranno infatti presenti anche a Modena, Cesena, Lugo, Novara, Rovigo e Como, oltre a Milano. Nel capoluogo lombardo la Toscanini si esibirà sia nella storica Sala Verdi del Conservatorio sia nell’Auditorium Cariplo, sede del Festival Mahler organizzato per i 30 anni dell’Orchestra Sinfonica di Milano: diretta da Omer Meir Wellber, la Toscanini sarà protagonista di un prestigioso cartellone che prevede l’esecuzione dell’intero ciclo mahleriano con le maggiori orchestre italiane.

Omer Meir Wellber (foto Luca Pezzani)
Omer Meir Wellber (foto Luca Pezzani)

Il rinnovo abbonamenti è disponibile fino a venerdì 6 ottobre, mentre dal 10 al 21 ottobre sarà possibile sottoscrivere i nuovi abbonamenti. La Toscanini ha inoltre compiuto un forte investimento verso i propri spettatori aumentando di 130 posti il settore dell’Auditorium con i prezzi più favorevoli, potenziando tutte le riduzioni dedicate alle categorie Under35, Over 65 e studenti di ogni ordine e grado.

Per informazioni è possibile telefonare allo 0521/391339, scrivere all’indirizzo biglietteria@latoscanini.it  o visitare il sito www.biglietterialatoscanini.it.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

classica

Il Barocco latinoamericano a Stoccolma

classica

A trecento anni dalla prima esecuzione, Arte Concert propone l’unica opera di Charpentier nell’allestimento di David McVicar all'Opéra Garnier, con il mezzosoprano Lea Desandre.

classica

Al via le iscrizioni ai corsi estivi di Alto Perfezionamento Musicale dell’Accademia Chigiana, a Siena dal 4 luglio al 2 settembre 2024