Il jazz di gennaio 2020: la playlist del gdm

Le novità jazz di questo inizio 2020 da ascoltare in una playlist esclusiva, a cura di Enrico Bettinello

playlist gdm gennaio 2020
Articolo
jazz

Anno nuovo musica nuova, jazz nuovo per il 2020. Con le giornate che leggermente si allungano e orecchie sempre curiose, tuffiamoci senza indugi nella playlist di gennaio del giornale della musica!

ASCOLTA TUTTE LE PLAYLIST

Contrabbassisti sugli scudi, con i nuovi dischi di Harish Raghavan, Junius Paul, Petter Eldh e Michelangelo Scandroglio, ma spazio anche alla magia del trio di Jim Black, alla chitarra di Miles Okazaki, al trio “etnico” Keïta/Brönnimann/Niggli, all’omaggio a Bernstein da parte di Gabriele Coen, alla ricerca cameristica di Hugues Mayot e alla freschezza di Federica Colangelo, passando per una “regina” come June Tyson, protagonista di una raccolta dei suoi momenti più significativi con l’Arkestra di Sun Ra.

01. Harish Raghavan – “Newe” (da Calls For Action, Whirlwind)

02. Jim Black Trio – “Tripped Overhue” (da Reckon, Intakt)

03. Michelangelo Scandroglio – “Bernard War” (da In The Eyes of the Whale, Auand)

04. June Tyson – “Somebody Else’s World” (da Saturnian Queen of The Sun Ra Arkestra, Modern Harmonic)

05. Miles Okazaki – “Rise and Shine” (da The Sky Below, PI Recordings)

06. Keïta/Brönnimann/Niggli – “Matonge Cache Cache” (da Kalan Teban, Intakt)

07. Junius Paul – “Sprouts" (da Ism, International Anthem)

08. Gabriele Coen Quintet – “Tonight” (da Leonard Bernstein Tribute, Parco della Musica)

09. Hugues Mayot – “Songe Pastel” (da L’arbre rouge, Budapest Music Center Records)

10. Federica Colangelo Acquaphonica – “Scala a chiocciola” (da Endless Tail, Folderol)

11. Petter Eldh – "Cyclops Dance” (da Koma Saxo, WeJazz)

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Una playlist per il centenario di "Bird", nato a Kansas City il 29 agosto 1920

jazz

Per il compleanno di "Bird" abbiamo scelto 10 temi parkeriani nelle versioni di altri jazzisti

jazz

100 anni fa Mamie Smith and her Jazz Hounds incidevano "Crazy Blues", il disco destinato a cambiare il corso della musica del Novecento