Il jazz dell’estate 2019: la playlist del gdm

Il meglio delle novità jazz in uscita nella playlist estiva del gdm

Playlist jazz gdm
Articolo
jazz

Molto calore, come da stagione, insieme ai sempre irredimibili Angles 9, al potente settetto del contrabbassista Mark Dresser (che omaggia qui Arthur Blythe), all’Ethnic Heritage Ensemble o alla tromba indimenticabile del nigeriano Zeal Onyia. Spazio anche alla recente fatica di John Zorn per piano trio, alle atmosfere brumose di Michele Rabbia con Gianluca Petrella e Eivind Aarset, a un Daniele Di Bonaventura politico e “charliehadeniano”, ai suoni nuovi di Tenderlonious, ma anche all’eccellente solo di Franco D’Andrea e all’inventiva dell’inglese Laura Jurd.

Scopri tutte le playlist del gdm

Ovunque voi siate: in vacanza al mare, montagna, lago, campagna o purtroppo ancora al lavoro… buona estate con la playlist del gdm!

01. Angles 9 – "Beyond Us" (da Beyond Us, Clean Feed)

02. Daniele Di Bonaventura Band’Union – "Hasta Siempre Comandante" (da Garofani Rossi, Tuk Music)

03. Ethnic Heritage Ensemble – "Freedom Jazz Dance" (da Be Known: Ancient/Future/Music, Spiritmuse)

04. John Zorn – "The High Priestess" (da The Hierophant, Tzadik)

05. Tenderlonious – "Aesop Thought" (da Hard Rain, 22a Music)

06. Franco D’Andrea – "St. Louis Blues" (da A Light Day, Parco della Musica)

07. Laura Jurd – "Stepping Back" (da "Stepping Back, Jumping In, Edition)

08. Zeal Oniya – "Eluem Asaba" (da Trumpet King Zeal Oniya Returns, BBE Music)

09. Mark Dresser Seven – "Black Arthur’s Bounce" (da Ain’t Nothing But a Cyber Coup & You”, Clean Feed)

10. Rabbia/Petrella/Aarset – "Night Sea Journey" (da Lost River, ECM)

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Jazz Area (Seipersei) è il libro di Roberto Masotti dedicato ai suoi (quasi) cinquant'anni di fotografia jazz

jazz

Stefano Bollani, un apolide della musica con il cuore in Sudamerica, racconta perché viaggia, in vista del concerto del 14 luglio a Rimini per UlisseFest

jazz

I nuovi dischi in duo di Gabriele Mitelli con Rob Mazurek e Filippo Vignato e Hank Roberts