Punkt, remixare il live

Il festival norvegese fra avanguardie elettroacustiche, jazz e arti digitali

John Paul Jones e Supersilent (Helge Sten, Ståle Storløkken, Arve Henriksen - foto Luca Vitali)
John Paul Jones e Supersilent (Helge Sten, Ståle Storløkken, Arve Henriksen - foto Luca Vitali)
Recensione
oltre
PunktFestival Kristiansand
02 Settembre 2010
Si è chiuso Punkt 2010, ancora una volta all'insegna di sfida e composizione istantanea. Confermata anche quest'anno la formula del Live Remix, per cui capita di assistere al concerto del coro estone Segakoor Noorus e pochi minuti dopo al remix di Maja Ratkje, che improvvisa su quanto appena ascoltato, scompone e ricompone, riuscendo a dare una luce tutta nuova a quelle voci, e ad ottenere, attraverso modalità e approccio diversissimi, risultati sorprendenti. Personalità e universi musicali, spesso molto diversi, si sono visti nei tre giorni del festival: il Segakoor Noorus diretto da Raul Talmar su repertorio del grande compositore estone Veljo Tormis, Jon Hassell, Lars Danielsson, Skúli Sverrisson e tanti norvegesi: Molvaer, Henriksen, Kornstad... Jan Bang, ideatore del festival, ha presentato il recente “…and Poppies From Kandahar”, paesaggi sonori di grande raffinatezza e contemporaneità. Nessun dubbio sul "pezzo forte" dell'anno: è stato John Paul Jones. Il bassista dei Led Zeppelin, dopo un breve solo, si è unito ai Supersilent per un concerto indimenticabile all’insegna di energia e improvvisazione, che ha appassionato il numeroso pubblico. Diverse le performance di ottimo livello: i remix di J.A.Deane e il lavoro con gli studenti dell'università di Kristiansand, Knut Reiersrud e lo straordinario duo Sidsel Endresen e Stian Westerhus sono tra quelle che hanno lasciato maggiormente il segno. Estetiche e approcci molto diversi si sono confrontati per un'edizione quanto mai viva e interessante, in cui artisti più o meno affermati e dal diverso background, hanno dato vita a un autentico laboratorio in evoluzione, una sfida continua, in cui anche il Visual designer Tord Knudsen ha avuto un ruolo determinante. Affluenza e interesse anche per i seminari in cui Stuart Nicholson, Supersilent, Tormis, Karl Bartos dei Kraftwerk si sono confrontati con un pubblico curioso, costituito in larga parte da studenti.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

Reportage dal festival di avant-pop di Torino, fra conferme e delusioni

oltre

Dalla Missa sine verbis di Piotr Orzechowski al live di Alex Braga per presentare Spleen Machine

oltre

Al Parco della Musica la rassegna in collaborazione con Radio Tre, con Gabriele Mitelli, Wu-Lu e Heliocentrics