L'Oriente onirico di Bizet

Parma: Les pêcheurs de perles

Recensione
classica
Fondazione Teatro Regio di Parma Parma
31 Marzo 2014
Opera dalla drammaturgia esile se non improbabile (i protagonisti maschili vi sembrano particolarmente gravati da uno strano ottundimento dei sensi), Les pêcheurs de perles non manca invece di dispensare con buona generosità bellezze musicali – l’aria tenorile di Nadir è la più nota – che un Bizet ventiseienne dovette qua e là riciclare da suoi lavori pre-esistenti per il poco tempo messo a sua disposizione. Perciò, nulla da eccepire sulla pulita regia di Fabio Sparvoli, che ha giocato un po’ scherzosamente (ma senza strafare) sull’ambientazione esotica e puntato su elementi scenico-visivi di netto contrasto cromatico. Gli interpreti ascoltati, due dei quali in sostituzione, se la sono cavata onorevolmente (ma con qualche perplessità sulla fonesi del francese): Vincenzo Taormina (Zurga) ha costruito un buon risultato espressivo dalla scena d’apertura del terzo atto; Jesus Léon è stato un corretto Nadir, non così avvolgente e morbido nel fraseggio nella sua celebre aria; Nino Machaidze (Léïla) ha dato il meglio in un registro drammatico più che lirico; completava il cast Luca Dall’Amico (Nourabad). Buona la prova dell’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna diretta da Patrick Fournillier, discreta quella del Coro del Teatro Regio; tutto sommato positiva la partecipazione del pubblico, considerando la ‘preziosità’ del titolo proposto.

Interpreti: Léïla, sacerdotessa di Brahma: NINO MACHAIDZE Nadir, un pescatore: DMITRY KORCHAK/JESÚS LEÓN (31) Zurga, capo dei pescatori: VINCENZO TAORMINA Nourabad, gran sacerdote di Brahma: LUCA DALL’AMICO

Regia: FABIO SPARVOLI

Scene: GIORGIO RICCHELLI

Costumi: ALESSANDRA TORELLA

Coreografo: ANNA RITA PASCULLI

Orchestra: ORCHESTRA REGIONALE DELL'EMILIA ROMAGNA

Direttore: PATRICK FOURNILLIER

Coro: CORO DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Maestro Coro: MARTINO FAGGIANI

Luci: JACOPO PANTANI

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Duro e poetico l’allestimento firmato Deborah Warner

classica

Mariangela Vacatello ha accostato il compositore russo a Chopin, Liszt e Debussy

classica

Un bel concerto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Federico Maria Sardelli sul podio per l’avvio delle attività del neonato Istituto Giovanni Battista Lulli.