L’incanto delle dieci corde

Livorno: Concerto per violino e chitarra del duo Alogna - Tampalini 

Alogna e Tampalini
Alogna e Tampalini
Recensione
classica
Livorno, Teatro La Goldonetta
Duo Alogna - Tampalini 
09 Maggio 2023

Un ricercato concerto si è rivelato quello formato dal duo Davide Alogna (violino) e Giulio Tampalini (chitarra), conclusivo dell’edizione 2023 di “Classica con gusto”: una rassegna cameristica giunta al dodicesimo anno di permanenza sul palcoscenico della “Goldonetta”, il ridotto del Teatro Goldoni. Etichettato 10 corde per incantare, l’impegnativo programma ha messo in evidenza la capacità dei due musicisti in un repertorio permeato di virtuosismi e lirica cantabilità, espresse con policromia sonora ed equilibrata fusione timbrica tra i due strumenti: qualità catalizzatrici per un pubblico letteralmente entusiasta dell’intera performance. I brani di Paganini, Giuliani, Tárrega, Albeniz e De Falla, si sono susseguiti creando un climax diffuso nella platea pressoché completa di spettatori, nonostante l’ensemble violino e chitarra non sia di nutrita popolarità.

Oltre la mera prassi esecutiva, interessante e divulgativa la parte introduttiva dedicata da Alogna e Tampalini alle organologie dei rispettivi strumenti, inquadrati in un excursus storico sull’osmosi ottocentesca tra le sonate da camera per i due strumenti e altre di respiro beethoveniano occhieggiante alla cantabilità del melodramma d’epoca: basti pensare alle Sei rossiniane, scritte da Mauro Giuliani per chitarra sola, composizioni interamente dedicate alle melodie dal repertorio operistico del pesarese, trascritte per lo strumento. I due musicisti, inoltre, hanno fornito un’ulteriore facilitazione al pubblico - per meglio recepire e contestualizzare i brani in programma – spiegando in anticipo le sintesi compositive, estetiche e storiche, includendo alcuni accenni alla struttura formale di ciascun pezzo.

“Classica con gusto” è una rassegna dove il titolo è bivalente: sia il gusto di ascoltare buona musica da camera sia gustarsi il convivio post concerto per familiarizzare con gli artisti e socializzare in un ambiente a carattere famigliare dove, oltre la quarta parete di pirandelliana memoria, sono idealmente abbattute tutte le altre, ricreando l’ambiente salottiero di epoca tardo ottocentesca e liberty. Tali caratteristiche, nel corso degli anni hanno incrementato di non poco l’afflusso degli spettatori, facilitati ulteriormente dai prezzi dei biglietti notevolmente contenuti; l’iniziativa si individua pure come un’anticamera propedeutica per i concerti sinfonici e la lirica. “Classica con gusto” è realizzata da un progetto artistico di Carlo Palese, in collaborazione con Menicagli Pianoforti.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Bologna l’opera di Verdi in un nuovo allestimento di Jacopo Gassman, al debutto nella regia lirica, con la direzione di Daniel Oren

classica

Napoli: il tenore da Cavalli a Provenzale

classica

Al Teatro La Fenice grande successo per l’opera di Arrigo Boito nel brillante allestimento di Moshe Leiser e Patrice Caurier con la solida direzione musicale di Nicola Luisotti