I suoni spiritosi del café-concert

A Parigi Rodolphe Briand e Vincent Leterme presentano una piccola antologia dedicata alle canzoni dei café-concert per i Bouffes del Bru Zane allo Studio Marigny 

Rodolphe Briand e Vincent Leterme (Foto Rocco Grandese)
Rodolphe Briand e Vincent Leterme (Foto Rocco Grandese)
Recensione
classica
Studio Marigny, Parigi
Cafe-Concert
13 Dicembre 2019 - 15 Dicembre 2019

Sulla scena vuota, il pianista si lancia in pezzi da concerto. Dal fondo della sala un signore vestito in maniera eccentrica lo invita a lasciar perdere. La musica per pianoforte solista lo infastidisce: molto meglio se il pianista si limita ad accompagnare la voce. “Ça m’agace !” è (ovviamente) il primo dei 13 numeri musicali cuciti insieme fra molti giochi di parole e salaci doppi sensi presi in prestito da vari testi del re della farsa Georges Feydeau e del biologo e farmacista ma soprattutto umorista e funambolo della lingua Alphonse Allais. J'aime pas les concerts ... mais j'prendrais bien un café ! è il titolo dello spettacolo concepito come omaggio allo sterminato repertorio del café-concert dal tenore Rodolphe Briand con la complicità del brillante pianista (ma non solo) Vincent Leterme. Nato sotto l’egida del Palazzetto Bru Zane, dopo la tournée lunga un anno e cominciata dal festival veneziano dedicato a Jacques Offenbach approda ai Bouffes du Bru Zane per la seconda stagione nel parigino Studio Marigny a conclusione della offenbachiade del bicentenario. 

Il nome di Offenbach non compare in questa piccola antologia di compositori per lo più sconosciuti – Émile Ettling, Charles Borel-Clerc, Raoul Georges, Félix Chaudoir, Léopold Gangloff, Ernest Cabaner, Claude Terrasse, Frantz Liouville, Aristide Bruant, Émile Waldteufel Edmond Audran – ma lo spirito disinvoltamente beffardo è quello che nutrì il grande operettista, che proprio a partire dall’antenato del Théâtre Marigny, il Théâtre des Bouffes-Parisiens e quindi Bouffes d’été, cominciò la sua folgorante carriera. Autentica istituzione parigina i “café-concerts” nascono già alla fine del XVIII secolo ma esplodono nel corso del XIX, luoghi di puro svago ma anche di incontri e di discussione oltre che piccoli osservatòri sul mondo per artisti in cerca di nutrimento per l’ispirazione, come per Henry de Toulouse-Lautrec, il più acuto ritrattista di quell’universo interclassista. Le sue tavole restituiscono soprattutto il colore di quel mondo ma non i suoni. Almeno fino a questa prima incursione nell’articolato repertorio musicale di quel mondo. 

Per questa piccola antologia fra sciocchezze sublimi e assurdità quotidiane, Rodolphe Briand e Vincent Leterme accompagnano con spirito e garbo gli spettatori fra aliti alla menta, cilindri smarriti e escursioni culinarie, come quella di “Le hareng saur” (l’aringa affumicata), celebre filastrocca spiritosa di Charles Cros mandata a memoria da generazioni di scolari francesi cui la musica di Ernest Cabaner aggiunge un tocco di surrealismo, oppure quelle degli spiritosi calembour porcini di Franc-Nohain messi in musica da Claude Terrasse delle Trois chansons à la charcutière (ossia alla salumiera) con una lugubre marcia funebre dedicata “À la mort d’Adèle”, che chissà non avesse davvero origini bolognesi. Anche quando si va sul serio e si parla nientemeno che Monsieur Wagnèr (che non è il farmacista del quartiere, come chiede Briand) non si può far a meno di sorridere con due delle cartoline dei Souvenirs de Bayreuth, spassosa parodia degli esasperati umori del Ringconcatenati in una spigliata quadriglia composta da due sinceri filowagneriani come Gabriel Fauré e André Messager, freschi di pellegrinaggio nel tempio del Maestro. Gran finale con il languido duetto a colpi di gloglottii di Bettina, la guardiana dei tacchini, e belati di Pippo il pastore dall’operetta La Mascotte di Edmond Audran con Briand truccato per metà da uomo e per l’altra metà da donna.

Molte risate, applausi sinceri. E ancora una volta va reso merito all’inesauribile curiosità del team del Palazzetto Bru Zane per questa divertente incursione nel mondo dei “café-concerts” che c’è da augurarsi non resti isolata. 

 

 

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Il Teatro Comunale di Bologna avvia fuori sede il nuovo cartellone sinfonico con un Valčuha in stato di grazia

classica

Al Festival Verdi intensa lettura di Roberto Abbado dedicata alle vittime della pandemia

classica

L’Accademia Filarmonica Romana con Sentieri Selvaggi ha festeggiato il compositore con la Grande Suite dall’opera Garibaldi en Sicile