Auto-inganno esistenziale

Una novità di D'Amico su testo di Camus allo Sferisterio Opera Festival di Macerata.

Recensione
classica
Sferisterio Opera Festival, Macerata
Matteo D'Amico
29 Luglio 2009
In una programmazione dedicata a 'L'inganno', lo Sferisterio Opera Festival di Macerata programma al coperto (oltre a un Don Giovanni mozartiano, Teatro L.Rossi, con intriganti spunti di regia, una direzione musicale un po' compressa e alcuni voci in gran spolvero, su tutte il Leporello di Ildebrando D'Arcangelo) una prima assoluta di Matteo D'Amico, Le malentendu, libretto tratto da l'omonima pièce di Camus. Più che d'inganno, si tratta d'incomunicabilità esistenzialista: un uomo torna nella casa-albergo di famiglia, dopo decenni, non riuscendo a - o non potendo - farsi riconoscere, e non venendo riconosciuto da madre e sorella che, come i precedenti avventori, lo uccidono per spogliarlo dei suoi averi e disporre di un futuro lontano dalla terra desolata che abitano; la postuma agnizione porterà tutti i ruoli - ovvero l'umanità - a un destino tragico e senza luce. La scelta di D'Amico è rigorosa e coerentemente portata avanti per un'ora e mezza di musica: declamato, ora lirico ora drammatico, per le voci, a conferire una piena evidenza al testo (il progetto gemma d'altronde da una realizzazione in prosa con musiche di scena), e il piccolo gruppo strumentale (quartetto d'archi, più contrabbasso clarinetto e fisarmonica, diretti da Guilliaume Tourniaire) a tessere la rete sotterranea di relazioni espressive e drammaturgico-musicali, pesati con grande calibro i personaggi timbrici e le figure musicali che utilizzano. La regia di Saverio Marconi ha reinventato a impianto centrale una sala da cinema, con notevoli intelligenza e uso delle luci, muovendo i personaggi in spazi quasi solo disegnati a terra, al modo (per citare solo un esempio recente) di Dogville del cineasta Von Trier. Ottimi gli interpreti, vocalmente preparatissimi, e franco l'apprezzamento del pubblico.

Note: prima esecuzione assoluta

Interpreti: Le vieux domestique: Marco Iacomelli La Mère: Elena Zilio Martha: Sofia Soloviy Maria: Davinia Rodriguez Jean: Mark Milhofer

Regia: Saverio Marconi

Scene: Gabriele Moreschi

Orchestra: Quartetto Bernini; Dario Flammini, fisarmonica; Massimo Ceccarelli, contrabbasso; Mirco Patarini, clarinetto

Direttore: Guillaume Tourniaire

Luci: Valerio Tiberi

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Duro e poetico l’allestimento firmato Deborah Warner

classica

Un bel concerto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Federico Maria Sardelli sul podio per l’avvio delle attività del neonato Istituto Giovanni Battista Lulli.

classica

Mariangela Vacatello ha accostato il compositore russo a Chopin, Liszt e Debussy