Antichi suoni portoghesi

Il Portogallo protagonista del festival belga Laus Polyphoniae

Recensione
classica
Laus Polyphoniae
30 Agosto 2011
Il festival Laus Polyphoniae si è concluso con un brillante concerto di Hesperion XXI, affiancato da voci soliste della Capella Reial de Catalunya, con l’intento di abbracciare cronologicamente Cinquecento e prima metà del Seicento, come quadro riassuntivo di tutto il percorso sonoro portoghese. Ma i colori timbrici e ritmici ispano-americani, marcati dalla presenza di due musicisti messicani, hanno conquistato il pubblico ma lasciato un interrogativo. Come sottolineato nella giornata di studi, ci sono ricerche d’archivio ancora da compiere, e sarebbe stato interessante pensare anche a fonti musicali provenienti dal Brasile, conquistato ed evangelizzato dai portoghesi anche attraverso la musica. In ogni caso ascoltare diffusamente pagine manoscritte o a stampa di Lobo, de Cristo, Cardoso, de Magalhães, de Brito, Rebelo, è stata un occasione unica e rara, che ha dimostrato che la musica antica portoghese non è soltanto frutto di un manierismo franco fiammingo o palestriniano, ma anche qualcosa di più profondo e originale, soprattutto se permeata dalla espressività della seconda pratica. Particolarmente interessanti e apprezzati i concerti dei portoghesi Officium e degli italiani Cantar Lontano, e calorosi gli applausi per gli ospiti d’onore, il quartetto vocale La Colombina, che ha presentato tre diversi programmi, collaborando anche con strumentisti dei gruppi Daedalus e Oltremontano. La qualità di questo festival si misura anche dalle significative attività collaterali, come ad esempio la Summer School curata da Cappella Pratensis, che si è conclusa con un concerto dei corsisti, musicisti amatori, che interpretando la notazione antica hanno dimostrato quanto sia viva la passione per una cultura musicale che è parte integrante della storia europea.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’Otello di Gioachino Rossini nell’allestimento di Damiano Michieletto apre la stagione dell’Oper Frankfurt

classica

Una coincidenza porta l’opera di Alessandro Melani a Pisa a pochi giorni di distanza dalle rappresentazioni di Roma, dopo 350 anni

classica

Al Teatro delle Muse di Ancona la prima di Sonnambula, con la regia di Cristian Taraborrelli