Tutti i colori della Filarmonica Romana

Roma: al via il 27 ottobre

News
classica
Mummenschanz
Mummenschanz

Una stagione caratterizzata da un ampio ventaglio di proposte quella presentata all’Accademia Filarmonica Romana dal presidente Paolo Baratta – doveroso ricordare che ha presieduto anche la Biennale di Venezia fino al marzo 2020 – e dal direttore artistico Enrico Dindo, in carica a partire dall’inizio del 2022 e quindi per la prima volta artefice dell’intera programmazione, quella prevista fino al mese di maggio 2023. Pensata per soddisfare tutti i gusti, la si potrebbe paragonare al ricco menù di un ristorante di qualità specializzato nella cucina della tradizione romana, ma se da un lato il riferimento alla tradizione è d’obbligo per un’Istituzione che ha appena iniziato il terzo secolo di attività dall’altro il suo orizzonte artistico va decisamente oltre i sette colli capitolini e si caratterizza per il respiro internazionale.

Come per gli scorsi anni, gli eventi in cartellone si svolgeranno al Teatro Argentina, al Teatro Olimpico e nella Sala Casella, quest’ultima sempre più valorizzata a motivo della sua invidiabile posizione centrale a due passi da Piazza del Popolo.

Gli undici appuntamenti musicali al Teatro Argentina – tutti di giovedì alle ore 21 – prenderanno il via il prossimo 27 ottobre con l’Alban Berg Ensemble Wien, fra le formazioni europee di maggior prestigio, con pagine di Debussy e Schoenberg, insieme alla suggestiva Vox Balenae di George Crumb, partitura del 1971 nella quale l’autore richiede che i musicisti suonino indossando una maschera in viso. Da segnalare anche la prosecuzione dell’integrale dei Quartetti di Šostakovič a opera del Quartetto Prometeo, che si presenterà al pubblico romano in due concerti (il 26 gennaio e il 20 aprile) per eseguire i cinque quartetti centrali (dal n. 6 op. 101 al n. 10 op. 118) scritti dal musicista russo. Diversi poi i solisti che si alterneranno sul palco dell’Argentina, dai pianisti Benedetto Lupo (17 novembre) e Gloria Campaner (15 dicembre) ai violoncellisti Christian Poltéra (9 febbraio) e Mischa Maisky, che torna anche in questa stagione (2 marzo) per eseguire tre delle sei Suites per violoncello solo di Bach.

Tra le attività programmate nella Sala Casella – sede anche di alcuni progetti dedicati alla formazione dei più piccoli – meritano di essere menzionate la seconda edizione di Dialoghi. Roma-Ischia” (a partire dal 16 settembre), grazie alla quale si rinnova la collaborazione con la Fondazione William Walton di Ischia per la promozione di nuove promesse del concertismo internazionale, e il ciclo Assoli”, giunto alla sua settima edizione e dedicato alla creazione di musica nuova con la partecipazione di giovani strumentisti e giovani compositori.
Particolarmente soddisfatti però saranno quest’anno i palati degli appassionati della danza e del musical, visto il ricco cartellone di eventi previsti al Teatro Olimpico. Si parte il 4 ottobre (e fino al 9) con il Balletto di Roma nello storico riallestimento del capolavoro shakespeariano Giulietta e Romeo di Fabrizio Monteverde, ma sono soprattutto da evidenziare appuntamenti come quello col musical The Rocky Horror Show (dall’1 novembre) con l’incomparabile energia esplosiva delle composizioni glam-rock di Richard O’Brien, quello con la compagnia americana Parsons Dance (dall’8 al 13 novembre) e quello con i Mummenschanz, che torneranno a Roma dal 31 gennaio al 5 febbraio, guidati dalla fondatrice Floriana Frassetto.
Informazioni complete sull’intera programmazione, biglietti e abbonamenti sono disponibili qui

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il direttore si ferma per curarsi

classica

L’edizione annuale della rivista tedesca ha comunicato il meglio della stagione operistica scorsa secondo i voti di un panel di oltre 40 critici musicali europei

classica

Si apre con Boris Godunov di Musorgsky un cartellone che offre oltre 250 spettacoli tra opera, balletto e concerti