Roma per Carissimi

Le "Giornate" dal 16 aprile

News
classica
Si svolgeranno a Roma nel periodo delle festività pasquali le "Giornate carissimiane - nei luoghi del Maestro”, organizzate da Musicaimmagine insieme a numerosi partner italiani ed esteri. Questi incontri sono dedicati all'approfondimento della conoscenza di Giacomo Carissimi, uno dei più grandi musicisti del periodo barocco, creatore del genere musicale dell'oratorio, che, nonostante fosse corteggiato da diversi regnanti europei, volle rimanere sempre a Roma, dove fu maestro di cappella a Sant'Apollinare e insegnante presso il Collegio Germanico-Ungarico. Dopo un preludio fuori programma il 16 aprile a Santa Maria dell'Anima, con musiche di Mozart eseguite dalla Cappella Musicale di tale chiesa, si entra nel vivo il 18 con una giornata di studi presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra, cui parteciperanno musicologi di calibro internazionale, tra cui Markus Engelhardt, Johann Herczog, Arnaldo Morelli e Giancarlo Rostirolla. Nel pomeriggio visita guidata con lo storico dell'arte Claudio Strinati all'Oratorio del SS. Crocifisso, per cui Carissimi compose tutte le sue Historiae sacrae. La sera concerto dell'Ensemble Seicentonovecento diretto da Flavio Colusso nella Basilica di Sant’Apollinare, con musiche di Carissimi e di Giuseppe Spoglia, suo diretto successore a Sant'Apollinare, oggi dimenticato ma meritevole di attenzione. Il giorno dopo ci si trasferisce a Villa Lante sul Gianicolo, dove il pomeriggio si svolgerà un incontro su Winckelmann, il grande storico dell'arte e archeologo del neoclassicismo, con la partecipazione di storici dell'arte e musicologi. La sera si torna a Carissimi: l'Ensemble Seicentonovecento eseguirà sue musiche conservate nella Collezione Santini di Münster e un brano in prima assoluta di Flavio Colusso.

M.M.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Dal 23 novembre al 2 dicembre la Trilogia d’Autunno della XXIX edizione del Ravenna Festival

classica

La scomparsa del regista lituano

classica

Presentato il cartellone 2019 del Festival di Salisburgo, il terzo con la direzione di Markus Hinterhäuser