Piacenza riparte da Domingo e Muti

Dopo il Requiem di Verdi diretto dal cantante e direttore spagnolo, in arrivo Muti con la sua Cherubini, la danza tra Fellini e il tango e Tosca nel Cortile all’aperto di Palazzo Farnese.

News
classica
Placido Domingo (Foto Gianni Cravedi)
Placido Domingo (Foto Gianni Cravedi)

Con l’evento rappresentato dal Requiem di Verdi diretto da Plácido Domingo, che domenica 16 maggio è salito sul podio del Municipale alla guida della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Municipale di Piacenza preparato da Corrado Casati, anche il teatro piacentino torna ad aprire le porte al pubblico.

Un nuovo cartellone, quindi, avviato dal capolavoro verdiano – trasmesso in diretta streaming grazie a OperaStreaming e che ha visto protagonisti anche i solisti Maria José Siri, Annalisa Stroppa, Antonio Poli e Michele Pertusi – che proseguirà con un doppio concerto che vedrà il ritorno al Teatro Municipale di Piacenza di Riccardo Muti con la sua Orchestra Giovanile Luigi Cherubini. Venerdì 28 e sabato 29 maggio (ore 19), infatti, il direttore napoletano presenterà un programma che comprende una tra le più celebri sinfonie composte da Gaetano Donizetti, quella del Don Pasquale, oltre alla Sinfonia n. 9 in mi minore Dal Nuovo Mondo di Antonín Dvořák.

Anche la danza farà ritorno al Teatro Municipale grazie alle suggestioni tratte dai film di Federico Fellini che prenderanno vita nel balletto Felliniana della Compagnia Artemis diretta da Monica Casadei, in programma domenica 23 maggio (ore 16). Inizialmente programmato nel 2020, in occasione del centenario della nascita del celebre regista romagnolo, Felliniana sarà una kermesse festosa, tra danzatori, acrobati, giocolieri, sulle musiche indimenticabili di Nino Rota.

La programmazione del Teatro Municipale si sposterà, nei mesi estivi, nel Cortile all’aperto di Palazzo Farnese, in collaborazione con il Comune di Piacenza, nell’ambito degli eventi della rassegna che accompagnerà il pubblico da giugno a settembre.

Nel palcoscenico all’aperto tornerà anche l’opera lirica: il 30 luglio e il primo agosto – con un’anteprima il 28 luglio riservata agli under 30 – è in programma Tosca di Giacomo Puccini, con un cast nel quale troviamo il tenore Francesco Meli e il baritono Luca Salsi, rispettivamente nei ruoli di Cavaradossi e Scarpia. Il ruolo del titolo sarà affidato al soprano Chiara Isotton, mentre a completare la compagine vocale numerosi cantanti piacentini: Mattia Denti, Valentino Salvini, Andrea Galli, Simone Tansini, oltre a Francesco Cascione e alla piccola Elettra Secondi. Sul podio Sesto Quatrini alla guida dell’Orchestra Filarmonica Italiana. La messinscena sarà affidata a Giorgia Guerra nel segno della multimedialità e dell’utilizzo del videomapping grazie anche alla collaborazione con Imaginarium Creative Studio, specializzato nella progettazione di contenuti artistici per lo spettacolo dal vivo. I costumi saranno firmati da Artemio Cabassi e le luci da Michele Cremona. Sarà inoltre impegnato il Coro del Teatro Municipale di Piacenza, guidato da Corrado Casati, e le Voci bianche del Coro Farnesiano preparate da Mario Pigazzini.

Sempre nel Cortile all’aperto di Palazzo Farnese verrà inoltre allestito lo spettacolo di danza El Tango (23 luglio), con la Roberto Herrera Tango Company e la musica dal vivo eseguita da Kaori Sacco al pianoforte e Simone Marini al bandoneon per uno spettacolo che ripercorre la storia del tango partendo dalle origini fino ai giorni nostri, un percorso che confluisce nelle originali popolari argentine per approdare alle sonorità del “tango nuevo”.

Biglietti e informazioni: www. teatripiacenza.it.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Esteso fino alla stagione 2022/23 l’impegno come direttore principale con la Chicago Symphony Orchestra, che guida dal 2010

classica

L’incoronazione di Poppea al centro dell'edizione 2021 del festival ideato da Iván Fischer, in scena dal 30 ottobre al 1 novembre

classica

Il 1° ottobre da Parigi si comincia con Fidelio