Muti a Busseto per Verdi

Il 23 dicembre Riccardo Muti al Teatro Verdi di Busseto dirige il gala della Trilogia d’Autunno di Ravenna Festival per Villa Verdi a Sant’Agata

News
classica
Riccardo Muti (foto Zani Casadio)
Riccardo Muti (foto Zani Casadio)

È un vero e proprio dono offerto alla figura di Giuseppe Verdi il concerto che vede protagonista sabato 23 dicembre Riccardo Muti a Busseto, impegnato a proporre nel piccolo teatrino dedicato al compositore che “pianse ed amò per tutti” il gala che suggella la Trilogia d’Autunno di Ravenna Festival.

Un appuntamento speciale, organizzato dallo stesso Ravenna Festival in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Busseto, che vede Muti alla guida della sua Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, del Coro del Teatro Municipale di Piacenza e di interpreti quali Elisa Balbo, Isabel De Paoli, Rosa Feola, Juliana Grigoryan, Vittoria Magnarello, Luca Micheletti, Piero Pretti, Riccardo Rados e Riccardo Zanellato. Il programma prevede sinfonie, cori e arie da Macbeth, Il Trovatore, I Vespri siciliani, Simon Boccanegra, La forza del destino, Don Carlo, Otello.

Teatro Verdi di Busseto
Teatro Verdi di Busseto

Un evento che assume una valenza speciale perché – nella sciatta inerzia burocratica nella quale versa il destino di Villa Verdi a Sant’Agata – il ricavato dalle vendite dei biglietti per questo speciale appuntamento sarà destinato proprio all’amata tenuta di Giuseppe Verdi, concreta testimonianza di un patrimonio musicale unico al mondo.

Il concerto, che si inserisce nel solco di Viva Verdi – complesso di iniziative promosse dal Ministero della Cultura per l’acquisizione e la valorizzazione della casa-museo del compositore – sarà trasmesso in streaming gratuito sul sito www.ravennafestival.live sabato 27 gennaio 2024, in occasione dell'anniversario della morte di Verdi.

Informazioni e prevendite dei biglietti disponibili a partire da venerdì 1 dicembre (dalle ore 10.00) sul sito www.ravennafestival.org.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Assieme alla nuova stagione 2025 presentati logo e stile visivo rinnovati

classica

Dal 21 giugno al 21 settembre torna il festival diffuso con oltre 30 concerti e più di 300 attività collaterali lungo tutta la penisola

classica

Ok il bilancio e in aumento il numero delle opere, dei balletti e degli spettatori