Muti alla Fondazione Prada

Prove e lezioni su Norma

News
classica
Muti alla Fondazione Prada
Muti alla Fondazione Prada

Il 18 novembre Riccardo Muti darà il via a una serie d'incontri nella sala del Deposito della Fondazione Prada a Milano, con una lezione-concerto dedicata all'analisi musicale di Norma (lo scorso anno aveva affrontato Nabucco).

Dal 19 al 25 novembre seguiranno prove aperte al pubblico col Maestro al pianoforte o sul podio dell'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, con cantanti e coro, nelle quali Muti farà da tramite fra quanto lui stesso ha appreso dai suoi maestri (da Vincenzo Vitale a Antonino Votto) e quanto ritiene formativo per le nuove generazioni. È una trasmissione del sapere, che ricorda le storiche botteghe dei pittori rinascimentali dove s'imparava il mestiere e si rinnovava la tradizione.

In questo caso gli allievi saranno giovani direttori d'orchestra, di età compresa fra i 18 e i 35 anni, scelti attraverso un bando internazionale, che saranno impegnati in una prova finale il 26 novembre, previa presentazione dello stesso Muti, che invece chiuderà la rassegna il 29 dirigendo l'opera di Bellini sul podio della Cherubini.  

Il cast è già fissato: Klodjan Kaçani (Pollione), Vittorio De Campo (Oroveso), Monica Conesa (Norma) - copertura Martina Gresia - Eugénie Joneau (Adalgisa), Vittoria Magnarello (Clotilde), Riccardo Rados (Flavio), mentre il coro sarà quello del Teatro Municipale di Piacenza. La partecipazione ai singoli eventi ha prezzi diversificati (consultare il sito della Fondazione Prada dedicato alla Riccardo Muti Italian Opera Academy), a seconda che siano lezioni o prove o lesecuzione di Norma; il carnet per partecipare a tutti gli incontri costa 500 euro, 200 per gli under 30.

L'anno prossimo sarà la volta di Don Giovanni, il cui allestimento firmato da Muti-Strehler-Frigerio ha segnato la storia della Scala. 

 


 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Dal 5 al 18 luglio biglietti a 5 euro

classica

Assieme alla nuova stagione 2025 presentati logo e stile visivo rinnovati

classica

Dal 21 giugno al 21 settembre torna il festival diffuso con oltre 30 concerti e più di 300 attività collaterali lungo tutta la penisola