La 55ma Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi

A Jesi dal 21 ottobre 2022 quattro titoli protagonisti sul palcoscenico del Teatro Pergolesi tra grande repertorio e novità assolute

News
classica
Teatro Pergolesi di Jesi (foto Irene Gattini)
Teatro Pergolesi di Jesi (foto Irene Gattini)

Il Teatro Pergolesi di Jesi propone dal 21 ottobre al 18 dicembre la 55ma Stagione Lirica di Tradizione, curata dalla Fondazione Pergolesi Spontini con la direzione artistica di Cristian Carrara.

Il cartellone è caratterizzato dal ritorno di titoli del grande repertorio – assenti nei due anni di pandemia per le esigenze di distanziamento in palcoscenico – e da un importante debutto: Il trovatore di Verdi, I Capuleti e i Montecchi di Bellini (opera rappresentata a Jesi solo nel 1834), la nuova commissione dell’opera contemporanea Delitto all’isola delle capre dal dramma di Ugo Betti con musica di Marco Taralli in prima esecuzione assoluta, e infine Tosca di Puccini. Quattro titoli per un totale di dodici repliche offerte al pubblico, che vedono lo stesso teatro Pergolesi impegnato in un rilevante sforzo produttivo insieme ad una rete di teatri nazionali ed europei.

Inaugurazione, quindi, venerdì 21 e domenica 23 ottobre con Il trovatore di Giuseppe Verdi: Francesco Rosa dirige la FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana, la regia è di Deda Cristina Colonna, scene e costumi sono di Domenico Franchi. Nuova la produzione, che vede impegnata la Fondazione Pergolesi Spontini insieme a Teatro Sociale di Rovigo, Teatro Comunale “Mario Del Monaco” di Treviso, Fondazione Teatro Coccia di Novara.

Venerdì 4 e domenica 6 novembre va in scena l’opera I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini, un grande capolavoro ed insieme una novità per il Teatro Pergolesi che nella sua storia lo ha messo in scena solo una volta, nell’agosto del 1834. Questa nuova produzione è realizzata con il Teatro Sociale di Rovigo, Teatro Comunale “Mario Del Monaco” di Treviso e Teatro Comunale “Giuseppe Verdi” di Padova, La regia è di Stefano Trespidi, scene e costumi di Filippo Tonon, la direzione è affidata a Giancarlo Andretta alla guida della FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana, interpreti i cantanti vincitori del XLX Concorso Internazionale per cantanti “Toti Dal Monte”.

Marco Taralli
Marco Taralli

Prima assoluta al Teatro Pergolesi di Jesi, in una coproduzione Fondazione Pergolesi Spontini con il Teatro dell’Opera Giocosa di Savona, per l’opera contemporanea Delitto all’isola delle capre tratta dal dramma in tre atti del poeta e drammaturgo Ugo Betti con musica di Marco Taralli su libretto di Emilio Jona. L’opera, che andrà in scena venerdì 25 novembre e domenica 27, rappresenta una nuova commissione, la cui direzione è affidata a Marco Attura sul podio del Time Machine Ensemble, la regia è di Matteo Mazzoni, scene e costumi sono affidate ai vincitori della II edizione del Concorso dedicato a Josef Svoboda “Progettazione di Allestimento scene e costumi di Teatro Musicale” riservato a iscritti e/o neodiplomati al Biennio di Specializzazione in Scenografia delle Accademie di Belle Arti di Macerata, Bologna e Venezia. Il concorso è una nuova modalità per valorizzare giovani creativi che possono vedere realizzato il proprio progetto scenico e hanno la possibilità di valorizzare il proprio curriculum collaborando con registi professionisti.

Chiude il cartellone, venerdì 16 dicembre e domenica 18, Tosca di Giacomo Puccini, ancora una nuova produzione della Fondazione Pergolesi Spontini, con allestimento dell’Opera Theatre de Metz Metropole. La regia è di Paul Emile Fourny che ne firma anche le scene insieme a Patrik Méeus, costumi di Giovanna Fiorentini, luci Patrik Méeus. Direttore è Nir Kabaretti sul podio della FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana, mentre il Coro è il Lirico Marchigiano “V. Bellini”.

Per informazioni: www.fondazionepergolesispontini.com.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il direttore si ferma per curarsi

classica

L’edizione annuale della rivista tedesca ha comunicato il meglio della stagione operistica scorsa secondo i voti di un panel di oltre 40 critici musicali europei

classica

Si apre con Boris Godunov di Musorgsky un cartellone che offre oltre 250 spettacoli tra opera, balletto e concerti