Il Fondo Solera all’INSV

Donato all’Istituto Nazionale di Studi Verdiani il Fondo Temistocle Solera dai discendenti del librettista

News
classica
La donazione del Fondo Solera all'INSV
La donazione del Fondo Solera all'INSV

È stato donato all’Istituto Nazionale di Studi Verdiani un significativo fondo documentario proveniente dalla scrivania del letterato Temistocle Solera (1816-1878), librettista di Giuseppe Verdi negli anni che vanno dal 1839 al 1846 e coinvolto nella stesura di opere quali Oberto, Nabucco, I lombardi alla prima crociata, Giovanna d’Arco e Attila.

La collezione, composta di una raccolta di 68 pezzi rappresentati in gran parte da carte autografe ancora mai studiate, è stata donata il pronipote Rodolfo Solera con la moglie Emma e le figlie Federica e Francesca, a cui la documentazione è arrivata per discendenza diretta.

Il fondo documentario rispecchia in particolare l’ultimo ventennio della vita di Solera che, pur essendo posteriore alle collaborazioni artistiche dirette con Verdi, mostra non poche correlazioni con vicende tarde della biografia del maestro di Busseto. Tra i documenti si annoverano libretti non rappresentati, il frammento d’uno messo in musica dal compositore cubano Villate Montes proprio grazie all’interessamento di Verdi, lettere al figlio e ad altri interlocutori, scritti in prosa e in poesia d’argomento civico, politico o religioso, articoli di giornale, onorificenze che testimoniano i suoi incarichi civici.

Come osserva Alessandro Roccatagliati, direttore del Comitato Scientifico dell’INSV, «l’approdo di questi documenti alle collezioni manoscritte del patrimonio dell’Istituto, peraltro in via di incremento negli ultimi anni, fornisce un essenziale apporto alla conoscenza biografica relativa all’ultimo Solera, sin qui piuttosto scarsa nel mondo degli studi sull’opera italiana dell’Ottocento. Questa acquisizione, inoltre, appare particolarmente importante in quanto giunge in concomitanza con l’edizione del Carteggio Verdi-Solera, nuovo volume dell’Edizione Nazionale dei Carteggi e dei Documenti Verdiani di prossima pubblicazione per i tipi dell’Istituto Nazionale di Studi Verdiani. Lo studio di queste carte, infine, si annuncia molto fruttuoso per la librettologia».

«Abbiamo scelto di donare l’intero materiale all’Istituto Nazionale di Studi Verdiani per toglierlo dal buio degli scaffali di famiglia – dichiara Rodolfo Solera – e renderlo accessibile a chiunque, studente, studioso o semplice appassionato, voglia approfondire una piccola ma significativa parte della storia della musica».

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Ok il bilancio e in aumento il numero delle opere, dei balletti e degli spettatori

classica

Dal 5 al 18 luglio biglietti a 5 euro

classica

Assieme alla nuova stagione 2025 presentati logo e stile visivo rinnovati