Il balcone di Rossini

Pesaro: concerti dal balcone della casa natale

News
classica
Nella foto, da sinistra, Cristian Della Chiara (Direttore generale Rossini Opera Festival), Silvano Straccini (Direttore generale Fondazione Pescheria), Daniele Vimini (Presidente Rossini Opera Festival) e Ernesto Palacio (Sovrintendente Rossini Opera Festival)
Nella foto, da sinistra, Cristian Della Chiara (Direttore generale Rossini Opera Festival), Silvano Straccini (Direttore generale Fondazione Pescheria), Daniele Vimini (Presidente Rossini Opera Festival) e Ernesto Palacio (Sovrintendente Rossini Opera Festival)

Nell’anno di Pesaro Capitale italiana della cultura, il Rossini Opera Festival propone Playlist Rossini. Un concerto lungo un anno, un nuovo progetto che ripercorrerà ogni sabato l’intero repertorio operistico rossiniano. Dal 24 febbraio al 16 novembre, ovvero dalla settimana nella quale si celebrerà il 232° compleanno di Rossini a quella nella quale si commemorerà il 156° anniversario della sua scomparsa, si terrà una serie speciale di 39 Concerti dal Balcone della Casa natale di Gioachino Rossini interpretati dagli ex allievi dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”, ciascuno dedicato ad un’opera di Rossini.

Si comincerà il 24 febbraio alle 18 con Demetrio e Polibio, interpretata da Andrea Niño e Omar Cepparolli, mentre il secondo appuntamento, La cambiale di matrimonio, sarà proposto il 2 marzo alle 18.30, da Matteo Mancini, Maria Laura Iacobellis e Alberto Comes. 

Il Direttore generale Cristian Della Chiara spiega la genesi del progetto: “L’idea di destagionalizzare l’attività del Festival è una delle linee programmatiche che da tempo perseguiamo nella nostra azione, rivolta a sensibilizzare e coinvolgere un pubblico diverso da quello dei melomani che ci frequenta da sempre. Iniziative come questa intendono dialogare con generazioni più giovani utilizzando modalità a loro più vicine. E quanto all’idea di un concerto lungo un anno, ci piaceva che questo lungo percorso riproponesse l’integrale delle opere rossiniane proprio al termine del lavoro di riscoperta effettuato dal Festival assieme alla Fondazione Rossini. I concerti saranno ripresi da Sinergia, partner del progetto CTE Square, utilizzando tecnologie avanzate in fase di sperimentazione. Saranno effettuate riprese a 360° ad altissima definizione con l’utilizzo del 5G”.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Andrea  Battistoni compone Pucciniana

classica

In programma cento spettacoli da settembre a novembre