Fucina Arte Sella compie 20 anni

Il 22 maggio un doppio concerto celebrativo con Mario Brunello, Giovanni Sollima, Andrea Lucchesini, Marco Rizzi e Danilo Rossi

News
classica
Giovanni Sollima e Mario Brunello (foto Giacomo Bianchi)
Giovanni Sollima e Mario Brunello (foto Giacomo Bianchi)

Domenica 22 maggio, Arte Sella – il museo a cielo aperto della Val di Sella, a Malga Costa nei pressi di Borgo Valsugana, in Trentino – celebra i vent’anni di Fucina Arte Sella, festival-laboratorio che, edizione dopo edizione, ha visto dialogare, immersi in un contesto naturale e artistico unico, musicisti come il violoncellista Mario Brunello, ideatore del progetto stesso, con attori, poeti e scrittori.

Protagonisti dell’evento del 22 maggio, saranno lo stesso Mario Brunello, il collega di strumento Giovanni Sollima, il pianista Andrea Lucchesini, il violinista Marco Rizzi e il violista Danilo Rossi, impegnati articolato in due concerti con inizio rispettivamente alle ore 14,30 e alle ore 17.

Il programma dei concerti prevedere l’esecuzione in prima assoluta di Quintetto sospeso, composizione commissionata da Arte Sella a Giovanni Sollima proprio per festeggiare i vent’anni di Fucina Arte Sella, oltre a composizioni quali Durchhaus phantastisch und leidenschaftlich vorzutragen dalla Fantasia op 17 per pianoforte di Robert Schumann, Rasch Langsam, mit melanchonischem Ausdruck da Märchenbilder op 113 per viola e pianoforte dello stesso autore e Scherzo dalla Sonata F.A.E. per violino e pianoforte di Johannes Brahms.

In questa occasione Giovanni Sollima suonerà il violoncello di fieno costruito espressamente per lui dalla scultrice Julia Artico: un’ulteriore testimonianza della profonda interconnessione tra Arte Sella e la natura.

Giovanni Sollima, Arte Sella (foto Giacomo Bianchi)
Giovanni Sollima, Arte Sella (foto Giacomo Bianchi)

«Viviamo un tempo sospeso ed incerto, che l’arte e la creatività possono illuminare: l’idea del concerto sospeso è figlia di questo tempo, nasce in un momento complesso e faticoso, ma dà senso alla nostra capacità di attendere, di vivere la complessità. Il concerto è maturato in questi mesi, accade ora, il tempo si è schiuso», specifica Emanuele Montibeller, direttore artistico di Arte Sella.

Dopo l’evento celebrativo del 22 maggio, l’edizione 2022 di Fucina Arte Sella vivrà altri due momenti significativi: il concerto del duo del clarinettista Gabriele Mirabassi e del fisarmonicista Simone Zanchini, a mezza strada fra jazz, Brasile e altro ancora, con la partecipazione di due giovani allievi dello stesso Mirabassi (sabato 6 agosto); il reading musicale “Flower Power” con Mario Brunello e l’attore e scrittore Andrea Pennacchi, liberamente ispirato al libro di Alessandra Viola, con composizioni originali di Alessio Pianelli (sabato 1 ottobre).

Fucina Arte Sella è un progetto che si è confermato di anno in anno una delle iniziative più importanti di Arte Sella. La Fucina si propone come occasione e spazio nei quali artisti di varie discipline e giovani allievi possono vivere insieme per alcuni giorni condividendo gli spazi a contatto con la natura della Val di Sella, al fine di realizzare un laboratorio creativo multidisciplinare; il risultato di questa fusione tra le diverse arti e la natura viene presentato nel corso di eventi aperti al pubblico. Dall’anno della sua creazione, si sono via via affiancati a Mario Brunello, tra gli altri, gli attori Marco Paolini e Alessio Boni, lo scrittore Paolo Rumiz, i musicisti Gabriele Mirabassi, Danilo Rossi, Marco Rizzi, Andrea Lucchesini, il Coro Val Sella e molti altri ancora.

Per informazioni: www.artesella.it.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il passato del musicista rivive al presente

classica

 "Musica Spaziale – La musica policorale come strumento di seduzione sonora" è il progetto proposto dalla Associazione L’Homme Armé 

classica

Al gala al Teatro Réal di Madrid premiati, fra gli altri, i cantanti Sabine Devieilhe e Stéphane Degout, Daniele Rustioni per la direzione d’orchestra, il regista Stefan Herheim, lo scenografo Michael Levine e il mezzosoprano Janet Baker per la carriera