FloReMus, rifiorire dopo il tempo sospeso

Dal  12 al 16 settembre a Firenze la quarta edizione del festival sul Rinascimento musicale promosso dall’Homme Arme’

News
classica
Ensemble De Labyrintho
Ensemble De Labyrintho

Dopo il rischio cancellazione, è invece al via, anche se con un programma ridotto rispetto a quanto ci si proponeva, l’edizione 2020, che prevede tre grandi concerti serali, ma anche eventi mattutini e pomeridiani, con formazioni emergenti e conversazioni sui temi connessi ai concerti, come ai luoghi in cui si svolgono. Cominciamo dagli appuntamenti serali delle 21,15, ossia l’ensemble De Labyrintho di Walter Testolin in un programma tutto dedicato a Josquin Desprez (il 12 nell’auditorium di Sant’Apollonia), quindi “Benigna mia Fortuna” ossia le intavolature dei madrigali di Cipriano de Rore per voce e liuto con Perrine Devillers, soprano del formidabile Ensemble Sollazzo, e Ariel Abramovich al liuto (il 13 nella Biblioteca di Michelozzo al museo di San Marco), infine “In illo tempore”, programma dedicato alla musica sacra monteverdiana fra Prima e “Seconda prattica” con le voci dell’Homme Arme’ e gli strumenti dell’ensemble La Pifarescha diretti da Fabio Lombardo (il 16 di nuovo in Santa Apollonia). Vari luoghi della città e dintorni, dalle Oblate e Museo degli Innocenti in pieno centro, all’Art District delle Murate, al Chiostro di San Domenico sotto Fiesole, ospiteranno una ricca proposta di conversazioni e concerti, dalla mattina al pomeriggio avanzato, tra cui i concerti à boire,di tono più conviviale. Numerosi appuntamenti, fra cui segnaliamo almeno la conferenza di Gian Luca Lastraioli sui pifferi della Signoria di Firenze (12 settembre alle Oblate, ore 17,30) e il giorno dopo, stessa sede e stessa ora, sullo stesso tema, il concerto “L’arte della trombetta” con l’ensemble Le Bucciarde di La Spezia , e il concerto dell’ensemble Le tems revient (il“Vezzosi augelli”, il 16 alle 19 in Sant’Apollonia). Info e prenotazioni www.hommearme.it

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Presentata la stagione 2020-21 dell'Accademia di Santa Cecilia, che segue le linee consuete, con qualche interessante novità

classica

Anna Netrebko ha contratto il coronavirus durante alcune recite al Bolshoi di Mosca, Edita Gruberova ha cancellato il suo recital a Firenze

classica

Dopo la grave malattia che l’aveva costretta alla sospensione dalla direzione artistica del festival wagneriano, è stato annunciato il suo ritorno dal 21 settembre