Accordo per una riduzione degli stipendi dei musicisti della New York Philharmonic

La riduzione inizialmente sarà del 20% e durerà, attenuandosi progressivamente, fino a settembre 2024

News
classica
New York Philharmonic
New York Philharmonic

Come è noto, la New York Philharmonic Orchestra ha cancellato ogni attività a partire dallo scorso marzo e per tutta la stagione 2020/2021, come la quasi totalità delle orchestre e dei teatri opera statunitensi. In questo periodo ci si limiterà ad alcuni concerti di gruppi da camera in streaming e ad altre piccole attività, per dimostrare che l’orchestra è ancora viva e non aspetta altro che il momento di poter ripartire a pieno regime. È stato calcolato che fino allo scorso 31 agosto la pandemia ha causato all’orchestra newyorchese perdite operative di oltre 10 milioni di dollari e si prevede una perdita di altri 21 milioni di entrate per la mancata vendita dei biglietti durante la stagione 2021/2022, senza contare la temuta riduzione dei contributi degli sponsor, che sono una parte fondamentale delle entrate di tutte le istituzioni culturali americane.

In conseguenza di questa situazione, i musicisti dell’orchestra hanno accettato un accordo che prevede una riduzione dei loro stipendi fino al settembre 2024. In pratica fino al 31 agosto 2023 lo stipendio minimo è stato portato al 75% di quello attuale, cioè 2.214 dollari a settimana, comunque una cifra da far invidia ai professori d’orchestra italiani (è bene sottolineare che si parla di stipendi minimi, perché il primo violino di spalla guadagna, o guadagnava, ben 687.955 dollari all’anno. Il compenso aumenterà all'80% dello stipendio base nei primi sei mesi della stagione 2023/2024, arrivando a 2.362 dollari settimanali, e al 90% per i sei mesi successivi, cioè 2.657 dollari. L’accordo si estende anche ai diritti per la diffusione tramite i mass media.

In totale l'orchestra ha rinunciato a più di 20 milioni di dollari di stipendio nel periodo di validità di quest’accordo. È andata peggio personale amministrativo, di cui il 40% ha perso il lavoro, mentre i rimanenti hanno avuto riduzioni di stipendio fino al 30%.

Deborah Borda, presidente della New York Philharmonic, ha detto: “il Covid-19 ha rimodellato l’intera ecologia della società e le arti performative non fanno eccezione. Il nuovo accordo con l’orchestra è un passo fondamentale per il raggiungimento per la costruzione di un percorso sostenibile e per preservare un futuro radioso alla nostra amata istituzione. La partecipazione e la dedizione dei musicisti dell’orchestra nel contribuire in modo creativo e pragmatico a dare forma a questo accordo è qualcosa che non dimenticherò mai. Hanno la mia ammirazione e il mio più profondo ringraziamento”.

È bene ricordare che il musicisti del Teatro Metropolitan di New York non ricevono lo stipendio da nove mesi.

 

 

 

 

 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Si torna a parlare di un progetto di monumento al compositore nella sua città natale sviluppato degli anni ’30 del secolo scorso e mai realizzato

classica

Per l’italiano è una conferma, per il russo un nuovo incarico, che lo porta a succedere a Jurowski

classica

Uno studio commissionato dal Konzerthaus di Dortmund dimostra che il rischio di contagio nelle sale da concerto è basso se gli impianti di ventilazione sono adeguati