Michael Formanek Very Practical Trio: anche meglio su disco

Even Better di Michael Formanek con Tim Berne e Mary Halvorson scrive una pagina nuova e affascinante del jazz di oggi

Michael Formanek Very Practical Trio (Tim Berne, Mary Halvorson)
Even Better
Disco
jazz
Michel Formanek Very Practical Trio
Even Better
Intakt
2019

Esordio discografico per questo nuovo Very Practical Trio del contrabbassista Michael Formanek, dopo l’approdo su Intakt nel 2018 con l’Elusion Quartet (Tony Malaby, Kris Davis e Ches Smith). Sono della partita Tim Berne con il suo sax alto (i due incrociano gli strumenti sin dagli anni novanta) e Mary Halvorson, pupilla di Braxton e chitarrista sulla cresta dell’onda, con cui il leader condivide il progetto Thumbscrew. 

Very Practical Trio, musica dal futuro

Dal groove implacabile e lievissimo di “Suckerpunch” capiamo subito che le cose si mettono nel migliore dei modi: una personalissima idea di canzone, quella di Formanek, lontana dal consueto modus operandi del jazz, dove sulla struttura tematica dei brani fioriscono improvvisazioni calibratissime e nitide, che aggiungono un benvenuto quid di anarchia a queste architetture perfettamente congegnante. Non si tratta affatto di musica cervellotica o accademica e algida, si badi bene; l’eccellente livello di scrittura e il talento dei tre musicisti fa galleggiare i brani in una fertile terra di mezzo tra lirismo, furore, ossessione e armonia. Ritmi asimmetrici e imprendibili che restano a mezz’aria proprio per l’assenza della batteria (scelta assolutamente vincente), soul sghembi e ornettiani , misteriosi come lo sguardo di una statua (“Like Statues”, appunto), selve astratte fittissime (“Still Here”, quasi dieci minuti di mappe in cui naufragare a occhi chiusi), visioni americane à la Frisell in acido (“Shattered”), pendii ripidissimi (“The Shifter”), geometrie, ordalie, teorie sul caos. 

Un drive prodigioso, una capacità di dosare magistrale e un feeling che ha la magia del rabdomante nel battere strade che portano lontanissimo dall’ovvio. Tra frangenti più distesi e ampi (“Apple and Snake”), nevrosi matematiche (“But Will It Float”), inaspettati numeri di fugace quasi rock (“Bomb The Cactus”, forse l’unica traccia non convincente del lotto) e un mood sempre e comunque irrequieto, sfuggente, enigmatico, i tre pesi massimi, qui in stato di grazia, si confermano musicisti cruciali dell’attualità jazz , capaci di suonare puntuali pur squadernando l’ovvio, rigorosi e folli, densi e impossibili, cubisti e descrittivi. 

Il sipario si chiude sui languidi fotogrammi virati seppia di “Jade Visions”. Il concerto a inizio anno a Mantova ci aveva convinto pienamente, Even Better è una conferma pienissima del livello stellare di questa formazione che reinventa la geometria: un triangolo in cui perdersi, una volta di più, ancora, ancora meglio.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Shabaka and the Ancestors, l'Africa dopo l'apocalisse

We Are Sent Here By History è il nuovo, esaltante disco di Shabaka Hutchings con gli Ancestors

Marco Maiocco
jazz

Il toccasana The Necks

“Post jazz” terapeutico dal trio australiano The Necks nel nuovo album Three

Alberto Campo
jazz

il SuonoMadre di Massimo De Mattia

Riot è il nuovo capitolo per il progetto SuonoMadre del flautista friulano Massimo De Mattia

Nazim Comunale