Guida all'Afrofuturismo

Tra musica nera, mitologia e fantascienza, L’invasione degli Afronauti di Giorgio Rimondi

Afrofuturismo Giorgio Rimondi
La P-Funk Mothership, National Museum of African American History and Culture a Washington, D.C.
Articolo
jazz

Che uno studioso curioso, originale e fuori dagli schemi come Giorgio Rimondi si dedicasse a un’ampia riflessione sull’Afrofuturismo sembra del tutto naturale, dal momento che la sua ricerca transdisciplinare sulle culture afroamericane ha spesso incrociato temi e personaggi che possono trovare casa sotto questo termine introdotto da Mark Dery nel 1994.

L’invasione degli Afronauti (234 pp., Shake edizioni, 2022) indaga i territori dell creatività nera nella musica, nella letteratura e nel cinema attraverso la lente dell’Afrofuturismo, in una complessa rete di segni e significati che lega le persone afroamericane a un’idea di futuro temporalmente differente da quella lineare cui siamo abituati, in dialogo con lo spazio e con l’antichità, proiettando la otherness aliena dall’esperienza tragica della slave ship a quella della space ship e fornendo chiavi di lettura e di immaginazione che sfuggono alla tassonomia occidentale di tradizione europea.

In densi ma scorrevoli capitoli Rimondi dà conto del rapporto della cultura afroamericana con la tecnologia e la fantascienza, analizza il percorso di Sun Ra e George Clinton, recupera l'essenziale epifania di Mumbo Jumbo di Ishmael Reed, coinvolge Rammellzee, Greg Tate e Toni Morrison, in un affresco che si materializza nell’ultima parte in un crescendo in cui mette in dialogo Janelle Monae, Walter Benjamin, Kodwo Eshun e Gilles Deleuze sullo sfondo di un’umanità sempre più inevitabilmente multidimensionale.

E se proprio il testo di Eshun, Più brillante del sole, tradotto recentemente da Nero Edizioni – con tutte le difficoltà del caso, dal momento che la scrittura dello studioso britannico è volutamente innovativa e complessa (lo stesso Rimondi la definisce felicemente come “Finnegan’s Wake psichedelico”) – si poneva sin dalla sua uscita come un affascinante dispositivo in grado di suggerire come la dialettica tra esistenza nera e fantascienza ci faccia superare l’aspetto di identificazione puramente razziale e sposti l’accento sul rapporto umano/macchina, l’ampia riflessione di Rimondi proietta queste suggestioni all’interno di un sistema di labirintica articolazione filosofico/culturale, in cui convivono posizioni anche molto differenti, ma accomunato dalla possibilità di illuminare con luce nuova i temi della giustizia sociale e del nostro stare al mondo.

Afronauti

Lavoro interessantissimo e stimolante, ricco di bibliografia e spunti. Da avere!

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Perché la morte di Jaimie Branch è qualcosa di più della semplice perdita di un’artista di talento

jazz

In un recente libro Marco Molendini ripercorre la vita di Pepito Pignatelli

jazz

Intervista con la contrabbassista Ilaria Capalbo, di base a Stoccolma