serpentwithfeet e il soul dell'avvenire

L’album d’esordio di Josiah Wise, alias serpentwithfeet: pop e soul d'avanguardia per Secretly Canadian

serpentwithfeet
Disco
pop
serpentwithfeet
soil
Secretly Canadian
2018

Difficile che passi inosservato, con quei tatuaggi sul cranio – la raffigurazione di un pentacolo e le scritte SUICIDE e HEAVEN – e il vistoso piercing al naso. All’aspetto appariscente corrisponde tuttavia un’aggraziata sensibilità artistica, espressa in musiche al tempo stesso ricercate ed emotivamente intense. Così è in questo primo album, che segue l’EP blisters, con cui serpentwithfeet debuttò un paio di anni fa, definendo il proprio linguaggio “gospel pagano”.

Aveva cominciato a cantare da bambino nel coro della chiesa pentecostale di Baltimora frequentata dai genitori: a ciò si deve il timbro tuttora angelico della voce. Il lato “profano” deriva viceversa dall’esperienza di vita: gay dichiarato, Josiah Wise avrà faticato non poco ad affermare la sua individualità in un contesto simile, da cui si è sottratto infine nel 2013, emigrando a New York.

Là ha messo a fuoco e affinato il proprio talento, capace ora da richiamare persino l’attenzione di Björk, che recentemente gli ha commissionato il remix di un brano da Utopia, "Blissing Me". A trent'anni appena compiuti si trova adesso sotto la luce dei riflettori, indicato fra i protagonisti in ascesa nell’arena del pop d’avanguardia. L’ascolto di soil ne conferma il valore: attraversate da una vena di spleen, le 11 canzoni incluse sono incastonate in arrangiamenti frutto di una combinazione fra campionamenti o simulazioni di sonorità cameristiche (l’interessato dichiara di avere un debole per Schubert) e ambientazioni elettroniche architettata insieme ai produttori Clams Casino, Paul Epworth e Katie Gately.

L’effetto risultante colloca il “serpente con i piedi” in un habitat frequentato da personaggi quali Sampha e James Blake (l’iniziale “whisper”, ad esempio), oppure Arca, per varie ragioni – dall’identità sessuale alla spontanea affinità con Björk – l’analogia più pertinente, come dimostra qui “slow syrup”. Nel suo mondo senza maiuscole è naturale l’alternanza fra minimalismo austero (“mourning song”) e impennate melò (il pathos emanato da “cherubim”, impertinente apologia della fellatio: “Ragazzo, ogni volta che ti adoro la mia bocca si riempie di miele”).

Se a tratti si percepisce un certo compiacimento manieristico (in “fragrant”, soprattutto), verosimilmente lo si deve all’intenzione di fare colpo: cosa che riesce meglio quando lo slancio verso l’epica viene temperato da una maggiore sobrietà formale. Emblematico, in tal senso, è lo spettacolare epilogo celebrato in “bless ur heart”: prototipo di un soul dell’avvenir.

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

For the Love of Beyoncé

Everything Is Love, a nome The Carters, segnala lo scoppio della pace tra Beyoncé e Jay-Z (e ci conferma che Beyoncé è la più grande performer in circolazione)

Ennio Bruno
pop

La psichedelia astratta del GDG Modern Trio

Stefano Ghittoni (Dining Rooms), Bruno Dorella (Ronin, Bachi da Pietra, OvO) e Francesco Giampaoli (Sacri Cuori) sono il GDG Modern Trio

Enrico Bettinello
pop

Paradox, il Neil Young che non ti aspetti

Una colonna sonora, uscita in sordina, restituisce il miglior Neil Young degli ultimi anni

Jacopo Tomatis