Sfratta il rasta

Il Rototom Sunsplash di Osoppo (UD) costretto a emigrare per un avviso di garanzia

Articolo
world
Non Processate Bob Marley è il nome della manifestazione che venerdì 13 novembre ha radunato nel centro di Udine centinaia di persone. Un pomeriggio di musica per un evento a sostegno non solo del Rototom Sunsplash, ma del diritto di espressione, di coscienza e della libertà di pensiero. Il festival reagge più importante d'Europa è un appuntamento fisso dell'estate friulana da quindici anni: non solo un festival musicale, ma un esempio di integrazione e, non da ultimo, un'attrattiva turistica capace di portare in regione centina di migliaia di appassionati. Negli anni il Sunsplash è cresciuto sia sotto il profilo qualitativo (musica, dibattiti, approfondimenti...) che organizzativo; in parallelo però sono cresciute anche le polemiche. Recentemente, adducendo come motivazione il fatto che "l'ideologia rastafariana prevede l'associazione tra la musica reggae e la marijuana", al presidente del Rototom, Filippo Giunta, è stato recapitato un avviso di garanzia con l'accusa di agevolare l'uso di sostanze stupefacenti.
Io agevolo è diventato lo slogan della manifestazione a cui hanno aderito artisti musicali, giornalisti, comici, intellettuali e moltissima gente comune. Sul palco hanno suonato dai Tre Allegri Ragazzi Morti agli Africa Unite, passando per Train to Roots, Mellow Moods e R.esistence in Dub, solo per citarne alcuni. Concerti intervallati dalla trasmissione dei messaggi video di adesione e sostegno di Beppe Grillo, Moni Ovadia, Vinicio Capossela, Subsonica e tanti altri.
«Se andiamo avanti nel riproporre il festival, non rischiano solo gli organizzatori, ma anche gli amministratori di Osoppo e gli stessi fruitori - spiega Filippo Giunta -. Il successo del Sunsplash si fonda sull'armonia, sull'aggregazione, la tolleranza e il rispetto. Se venissero meno questi elementi il lavoro di quindici anni sarebbe rovinato». Pare non ci siano dubbi, la manifestazione lascerà il Friuli, anche se una nuova sede non è ancora stata trovata. «Non ci sono solo difficoltà politiche, ma anche tecniche. Il Sunsplash è un festival ingombrante dal punto di vista logistico. Serve un luogo attrezzato di almeno 30 o 40 ettari, e non è semplice trovarlo nemmeno in Catalogna (Barcellona è tra la città che si sono mostrate disponibili ad accogliere gli esuli del reggae, ndr.). Il villaggio è il cuore del Festival, per cui è fondamentale trovare un luogo accogliente» precisa Giunta. Che tiene infine a sottolineare un fatto importante: «L'associazione Rototom non lascierà la regione, al contrario continuerà le sue collaborazioni e la sua attività culturale. Perché la nostra speranza è quella di poter tornare in futuro ad organizzare il Sunsplash in Friuli».

Più info su rototomsunsplash.com

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

La classifica dei 20 migliori album world del 2017: l'Archivo Pittoresco e acustico di Lula Pena, dal Portogallo

world

Il nuovo disco della portoghese Amélia Muge, ARCHiPELAGOS/Passagens, presentato dal vivo a Lisbona

world

A 101 anni è morto l'autore di Musica e trance, fra i padri nobili dell'etnomusicologia mondiale