Vedere il suono e ascoltare la luce

Nuovissimo programma di musica sperimentale per Bologna Festival

Il concerto di Alberto Novello
Il concerto di Alberto Novello
Recensione
classica
Sala Mastroianni del Cinema Lumière, Bologna
Alberto Novello
04 Ottobre 2021

La rassegna Il Nuovo l’Antico di Bologna Festival quest’anno vede susseguirsi programmi particolarmente sperimentali, e dopo un concerto al buio  ne propone ora uno dedicato all’esecuzione di musica legata alla luce, nello specifico a quella delle proiezioni laser. Movimento, vista, suono: è questo ciò che comporta la fruizione della musica (d’arte) del futuro? Il concerto, intitolato Live Sound Action, ha previso nella Sala Mastroianni del Cinema Lumière la doppia esibizione dell’artista multimediale, scienziato e compositore Alberto Novello alias JesterN, con il brano del 2016 Laser Drawing: See the Sound and Hear the Light, e quella del collettivo Otolab, con il progetto del 2020 Ex.

Il brano di Novello ha una larga componente d’improvvisazione, su cui si incardinano segmenti pre-composti, attivati dagli impulsi elettrici dati dallo strumento cablato che egli stesso ha costruito. L’esecuzione del brano di Otolab prevede invece la proiezione di un raggio laser direzionato su uno specchio ricoperto d’acqua, il cui riflesso è amplificato su un grande pannello fotosensibile, la cui fluorescenza mantiene una temporanea e spettrale traccia del passaggio della luce.

Le loro sono stimolanti ed interessanti esecuzioni performative, per cui il gesto che crea il suono e quello che genera una forma luminosa coincidono (come nel caso di Novello), oppure si muovono l’uno in strettissima compenetrazione con l’altro (come in quello di Otolab). Un’esibizione di musicisti che, abituati all’intercambiabilità delle modalità di fruizione, passano dai club di elettronica alle sale da concerto (o come in questo caso al cinema), che non sono più soltanto compositori o esecutori, ma anche liutai, creatori dei propri strumenti, scienziati, studiosi delle possibilità della performance, e che lasciano il fruitore mesmerizzato dalle pirotecnie della luce e del suono.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

I Solisti della Mahler Chamber Orchestra a Reggio Emilia, in un omaggio per il cinquantesimo della morte di Igor Stravinskij

classica

Il concerto sinfonico corale di Roberto Abbado, il Requiem di Daniele Gatti e il Simon Boccanegra in forma di concerto di Michele Mariotti

classica

Al Teatro “G.B. Pergolesi” con la regia di Jacopo Fo