Un Fuoco tra il lirico e il magmatico

Pescara: Stefano Taglietti mette in musica D'Annunzio

Recensione
classica
Pescara Festival Dannunziano
Stefano Taglietti
25 Agosto 2012
D’Annunzio è il nume tutelare della cultura pescarese, e perciò non sorprende che un 47enne compositore romano ormai trapiantato lì e un festival al nume dedicato si pongano a cimento, mettendo in musica una riduzione (curata personalmente da Taglietti nel libretto) del suo romanzo più scopertamente autobiografico. Infondere o amplificare una tensione lirica nella prosa dannunziana sempre vibrante (ma non sempre lirica) sembra la direzione di lavoro dell’autore, e il risultato coglie nel segno, anche in termini di drammaturgia musicale nella seconda parte. Il gioco di pieni e vuoti, i travestimenti stilistici, anche le attrazioni-frizioni tra i tre personaggi (Stelio alias D’Annunzio, la Foscarina alias la Duse, Donatella Arvale), transitano qui in modo efficace per il ‘pensiero magmatico’ dell’autore, che non è materismo (le figure strumentali – come quelle vocali – sono molto chiare e profilate) ma qualità instabile proiettata dal pensiero nella materia sonora, anche – anzi proprio – laddove essa consti di moduli facilmente inclinabili alla squadratura; si avvertiva invece, nella prima, lo sforzo contrario di contenere una materia di per sé fluida in gabbie rigide. Questa prima realizzazione della partitura non si può definire scenica – solo qualche spostamento per i personaggi e qualche cambio di luce – ma ciò, per la natura lirica di testo e musica, non nuoce affatto all’opera, quanto invece un’amplificazione eccessiva per la natura cameristica dell’operazione. Molto bravi ed applauditi dal pubblico – discretamente numeroso – gli interpreti, sia quelli vocali (una sicurezza Valentina Coladonato, e più che positivo Nunzio Fazzini in una parte assai impegnativa) sia i sei giovani strumentisti, tutti ottimamente guidati da Pasquale Veleno.

Note: prima esecuzione assoluta nell'ambito del D'Annunzio Arts Festival partitura ediz. RAI TRADE

Interpreti: Stelio Effrena: Nunzio Fazzini, tenore La Foscarina: Valentina Coladonato, soprano Donatella Arvale: Annamaria Papicchio, soprano

Regia: Giulia Basel

Orchestra: Ensemble della Giovane Orchestra d'Abruzzo

Direttore: Pasquale Veleno

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Napoli: il tenore da Cavalli a Provenzale

classica

A Bologna l’opera di Verdi in un nuovo allestimento di Jacopo Gassman, al debutto nella regia lirica, con la direzione di Daniel Oren

classica

Al Teatro La Fenice grande successo per l’opera di Arrigo Boito nel brillante allestimento di Moshe Leiser e Patrice Caurier con la solida direzione musicale di Nicola Luisotti